26 settembre 2017

Acqua di Santa Maria alla Fontana

Acque di Luce
Acque di Luce

L’acqua di Santa Maria alla Fontana sgorga da undici fonti poste sotto l’altare della chiesa omonima, eretta a Milano, dove si racconta sia apparsa la Madonna, intorno al 1400, e abbia miracolato un giovane facendogli guarire all’istante, sotto gli occhi dei presenti, una gamba amputata. Il padre del giovane,a testimonianza della propria gratitudine, fece erigere la chiesa.
L’acqua di Santa Maria alla Fontana entra in risonanza con le frequenze della luce con  prevalenza C — E  e con il mesoderma, agisce sull’apparato neurologico e neurovegetativo E’ un’acqua attiva, stimola la funzionalità ossea e la tonicità muscolare, libera le articolazioni, agevola le innervazioni, la conduzione degli stimoli,  Può essere usata per problemi di artrite e artrosi, che limitano nel tempo la fluidità del movimento, così come per riattivare la circolazione linfatica.  L’acqua di Santa Maria alla Fontana è perciò un valido aiuto nei problemi connessi alla scioltezza, alla deambulazione.  Tonica e stimolante, al mattino rafforza l’azione dell’acqua di Lourdes.

Energia prevalente: yin
Unità Bovis: circa 18.000
Livello dell’aura: 2°. corpo emotivo
Chakra: 2° e 
Meridiani principali MTC: stomaco
Analogia con i fiori di Bach: Rock Water
Indicazioni emotive e mentali. Agisce su persone iperattive. ma emotivamente e mentalmente rigide. Lavora sui blocchi emotivi collegati a una scontentezza generale per ciò che succede nel proprio ambiente di vita: si rivolge a soggetti incapaci di accettare e gestire con tranquillità le situazioni che sono chiamati ad affrontare. Tali persone reagiscono di solito con le modalità dell’autopunizione e del masochismo (negazione del piacere personale), arrivando a sviluppare, nei casi più gravi, malattie degenerative. Talvolta può essere utile per armonizzare certi squilibri sessuali.

Indicazioni fisiche. L’acqua di Santa Maria alla Fontana regola le funzioni muscolari e ossee, agisce sui reni e sul sistema neurovegetativo. Stimola la funzionalità ossea e il tono muscolare: libera le articolazioni. agevola le innervazioni e favorisce la conduzione degli stimoli relativi appunto ai muscoli, alle ossa e ai nervi. Può essere usata per problemi di artrite e artrosi, nei casi di blocchi alla fluidità del movimento, nei disturbi reumatici di vario tipo. Rappresenta un valido aiuto nei problemi connessi alla scioltezza, alla deambulazione: riattiva quei processi di ricambio che tendono a ristagnare per eccesso di tossine. Utile anche nel caso di nevralgie e nevriti.

a cura di
Carla Crescini,
Operatrice IRECA
Appassionata degli effetti salutari delle Acque di Luce

Related posts

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie, effettuando lo scroll in basso della pagina, o cliccando su "Accetto" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni sulla cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi