Questa sezione è dedicata alla 
AUTOSTIMA
altrasalute 
Informazioni per il Benessere
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Ricerca personalizzata
 
 
 
Visita la nostra  
 
Articoli, Interviste e Conferenze alla ricerca del benessere
«Cosa devo fare per stare bene, per stare bene con me stesso, per produrre più gioia, più felicità?».  
Già, come si affrontano i disagi dell’anima?  
C’è qualche regola da assecondare, qualcosa che va assolutamente evitato e, di pari passo, qualcosa che invece ci tocca fare?  
Tutto quello che troverete scritto qui è stato applicato per lunghi anni su di me ed è stato ed è parte integrante del mio lavoro di psicoterapeuta. Insomma, non ho fatto nient’altro che scrivere quello che faccio con me stesso e con i miei pazienti, e che mi sembra procuri grande sollievo.  
Tutto, come sempre, viene da lontano.  
Ho avuto come compagno di viaggio per tanti anni Lao Tze - il grande Saggio cinese contemporaneo di Platone - e mi ha sempre colpito l’esistenza di un’altra visione del mondo, di un altro modo di essere e di stare con e cose. 
Per Lao Tze: «Il Tao (“Senso”) causa le cose in maniera nebbiosa, indistinta. Insomma, ciò che crea il mondo, ciò che potremmo chiamare “il senso della vita” ama la nebbia più che la luce, l’indistinto piuttosto che la certezza,.. i dettagli.  
Ma certezza e dettagli non sono forse il centro del nostro modo di vivere, della nostra coscienza moderna, del nostro lo?  
Non si dice forse, oggi, per fare un complimento a una persona, che ha una mente lucida?  
Chiarisco subito che la mente lucida, attenta e che ragiona, che pensa, è il peggior nemico dell’anima....  
Quando soffro, quando i dolori della psiche vengono a trovarmi, irrompendo nel mio intimo, sapete che cosa faccio?  
Mi dico subito: «Raffaele, cedi, lasciati invadere, annientare dal dolore, non opporti, percepiscilo bene». 
Di certo non penso alla causa che lo ha scatenato, come un abbandono, una ferita o e cose che non sono andate come avrei desiderato..,  
Ferite e lacerazioni, se stiamo attenti, ci arrivano tutti i giorni e forse più di una volta al giorno. E quando soffriamo ci sembra evidente la causa o chi ha scatenato la nostra sofferenza.  
E così ci accaniamo per cercare risposte, soluzioni: facciamo ragionamenti su ragionamenti, ci pensiamo e ripensiamo.  
Ma la casa dell’anima ha un uscio che non lascia entrare i pensieri, e quando essi riescono a oltrepassarlo, fanno disastri.  
Così, quando arriva la sofferenza, ho imparato a non ragionare, a non ostacolarla e diventare, come avrebbe detto Lao Tze, “nebbioso, indistinto, offuscato”. Il contrario di quello che fanno tutti: che vogliono capire, spiegare, che guardano i dettagli delle cose, che si fanno domande, che si danno risposte.  
«Perché non mi ama più?  
Perché sto male?  
Perché mi ha lasciato dopo 10 anni?  
Adesso cosa sarà di me?».,.
 
 
 
 
Lao Tze mi ha insegnato in tutti questi anni che vi è “un luogo nebbioso, indistinta” che ha soluzioni immense per i nostri drammi, a patto di non usare il ragionamento, di non cercare di capire, di pensare. 
Faccio come i bambini che, guidati dal Dio Ermes, sono sempre pronti a distrarsi, che vedono ogni istante della vita come nuovo, che si affidano all’oblio, quando le cose non vanno come loro avrebbero voluto.  
Quando hanno un problema, i bambini vanno a dormire, perché Ermes, che è il loro Dio, li cura nel sonno, allontana i dolori, porta soluzioni dormendo.  
Dormendo, non pensando! Quando mi arriva un disagio io sposto lo sguardo, mi perdo altrove, faccio della distrazione il mio elisir, il mio balsamo. Non vado a parlarne e riparlarne con gli amici, non mi tormento con i pensieri.  
Per le “cose semplici”, come distrarsi, bisogna allontanare lo sguardo da se stessi, dalla propria storia, dai propri lamenti, dal proprio orgoglio, e cedere, dicendosi: «Sia quei che sia!».  
Perché mai dovrei spaventarmi per una ferita della mia vita, se io sono seduto sull’essenza del mondo che mi abita?  
Se smetto di pensarci su, sarà lei a provvedere a me, a portarmi nel posto giusto, dove devo andare, a farmi incontrare chi devo incontrare.  
Si arriva a un punto in cui la mente nebbiosa e indistinta produce veri miracoli, come la mente vuota, così cara ai bambini distratti, e che per Lao Tze è il centro di ogni realizzazione.  
Quando siamo distratti, l’io e i ragionamenti sì assentano e il Tao (il Senso) scende in campo, procurandoci veri tesori.  
Qualsiasi cosa accada, la soluzione verrà solo dalla mente vuota.  
Evidentemente nel nostro intimo, nelle cose dell’anima, c’è un altro occhio che sa vedere quello che lo sguardo della superficie, incantato dalle Sirene, non riesce neppure a percepire. Un altro occhio, calato nelle nebbie, che adora provvedere a noi, portarci nella nostra vera auto-realizzazione, e che scende in campo e diventa operativo quanto più siamo estranei, indecisi, persi, abbandonati alle cose come sono, senza resistenza, senza commento, senza spiegazione… 
“Sia quel che sia, io ci devo pensare”, questo è il mio motto. In genere quando faccio così, mi arriva inaspettato un vero e proprio attacco di gioia, di felicità. Senza alcun motivo. Ma l’anima produce la vita, crea ognuno di noi senza alcun motivo.  
Mentre tu non ti vai bene, mentre non accetti la tua storia, mentre pensi di cambiare vita, l’anima sta creando, senza il tuo parere, quell’essere unico che sei, che è ciascuno di noi.  
Ci cura a nostra insaputa..,. Lei detesta i nostri commenti. Forse i disagi vengono proprio per allargarci la coscienza, e non opporsi è la vera, unica, soluzione. Guardarli senza esprimere un parere è forse la cosa più gradita alta nostra essenza.  
Naturalmente, questi consigli vengono dal “luogo nebbioso e indistinto” di cui parlavo prima e vanno letti in questa chiave.  
Non sono regole da seguire: ma solo parole che possono cambiare la percezione che abbiamo di noi stessi e delle cose, Ma guardare in modo diverso è l’azione che l’anima adora di più. Spero possano esservi utili. 
Occorre ricordare che nella vita non c’è niente che dobbiamo decidere, proprio niente.  
Si tratta di mettersi in quella coscienza abbandonata a se stessa, estranea, distratta e confusa, perché si producano le soluzioni più adatte a ciascuno di noi.  
Chi fa così, si accorge ben presto che dopo ogni grande delusione, puntualmente arriva un raggio di sole che rimette le cose a posto e ci procura più felicità, più gioia, più vita.  
La nebbia in cui ci perdiamo è la nostra vera soluzione, il nostro balsamo, la nostra salute. 
Raffaele Morelli
 
 
 
 
Copyright - 2006-2014. Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione anche parziale senza l'autorizzazione della Redazione 
Le indicazioni che troverete tra queste pagine vengono fornite al solo scopo informativo e non possono sostituire la consulenza di un medico. Ricordate che l'autodiagnosi e l'autoterapia possono essere pericolose. E' possibile rintracciare dei centri dove con breve attesa e pagando un ticket si può essere visitati. Anche il vostro medico di famiglia potrà esservi di aiuto.