Questa sezione è dedicata alla 
CRISTALLOTERAPIA 
cristalloterapia 
tratto da Cristallloterapia a cura di Massimo Paltrinieri Ediz. The Book
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
I SETTE CHAKRA PRINCIPALI 
 
 
 
Ricerca personalizzata
 
 
Visita la nostra 
Articoli, Interviste e Conferenze 
alla ricerca del benessere
 
Anche il termine chakra (si scrive chakra, ma si pronuncia con la c dolce) deriva dalle lingue orientali. Sono posizionati, a grandi linee, partendo dal centro coccigeo, cioè dal punto che si trova fra l’ano e i genitali per arrivare alla sommità del capo. Sono sette e ognuno di essi sovrintende a determinati organi, con particolari finzioni sia a livello emotivo che psichico e spirituale. Fra i sette chakra principali esistono dei collegamenti di affinità che si possono così riassumere: 
il primo con il settimo: l’energia di base con l’energia spirituale; 
il secondo con il sesto: l’energia del ‘sentire” a livello materiale con l’energia del “sentire” a livello extrasensoriale; 
il terzo con il quinto: l’energia della mente operativa e del potere personale con l’energia della mente superiore e della comunicazione; 
il quarto, in mezzo: il ponte fra i tre chakra inferiori e i tre superiori e “fucina alchernica” della trasformazione. 
Ciascuno dei sette chakra è contraddistinto da un colore in relazione con quello dell’aura corrispondente e che deriva dalla frequenza della vibrazione del chakra stesso. A ogni chakra è abbinato un mantra (anche questo è un termine orientale e indica la vocalizzazione di un suono ripetuto più volte, come una preghiera: il più famoso è senz’altro l’OM) e un suono, in particolare quello di una nota musicale. 
I nomi dei chakra sono di origine orientale, mentre in Occidente si chiamano per numero o si riferiscono al centro o al plesso fisico interessato. Ai chakra è anche normalmente abbinato un elemento naturale (terra, aria, fuoco, acqua), secondo le teorie della medicina cinese tradizionale, Ma qualcuno li abbina anche ai pianeti e ai segni zodiacali.  
Nella tradizione orientale i chakra sono rappresentati con un numero variabile di petali, proprio come se fossero dei fiori, in attesa dunque di aprirsi quando, per diversi motivi, sono chiusi alle manifestazioni interiori ed esteriori. 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Copyright - 2006-2014. Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione anche parziale senza l'autorizzazione della Redazione 
Le indicazioni che troverete tra queste pagine vengono fornite al solo scopo informativo e non possono sostituire la consulenza di un medico. Ricordate che l'autodiagnosi e l'autoterapia possono essere pericolose. E' possibile rintracciare dei centri dove con breve attesa e pagando un ticket si può essere visitati. Anche il vostro medico di famiglia potrà esservi di aiuto.