Questa sezione è dedicata alle 
ERBE 
erbe logo 
La sezione Erbe è a cura di Osvaldo Cioè
 
 
 
 
 
 
Aloe la pianta 
Specie medicamentose più note 
 
  
Abete Bianco - Acerola - Acetosa - Acetosella - Achillea - Aglio - Agrimonia - Alchemilla - Alloro - Aloe - Altea - Ananas - Aneto - Angelica (Dong Kwai) - Anice - Arnica - Artiglio del Diavolo - Assenzio - Avena - Barba di Becco - Bardana - Biancospino - Bietola - Borragine - Borsa del Pastore -  Calamo Aromatico - Calendula - Camomilla - Cannella - Capelvenere - Cappero - Caprifoglio - Carciofo - Cardo Mariano - Cardo Santo - Carota - Catuaba - Centaurea - Centella Asiatica - Centocchio - Celidonia - Cetriolo - Cicoria - Cipolla - Crescione - Convolvolo - Corbezzolo - Coriandolo - Crisantello Americano - Cumino - Dioscorrea Batatas - Dragoncello - Echinacea - Edera - Eleuterococco - Equiseto - Erba Cipollina - Erica Carnicina - Eucalipto - Eufrasia - Fagiolo - Faggio - Farfaro - Felce - Fieno greco - Finocchio - Fiordaliso - Fragola - Garcinia - Gelso - Gelsomino - Genepì - Genziana Gialla - Ginepro - Ginkgo biloba - Ginseng - Girasole - Guaranà - Gramigna - Granoturco  - Kawa Kawa - Iperico - Ippocastano - Issopo - Lampone - Lavanda - Lapacho - Lino - Liquirizia - Luppolo - Maca - Maggiorana - Malva -  Marapuama - Margherita - Marrubio - Melissa - Melone - Menta - Miglio - Mirtillo - Mirto - Nasturzio - Olivo - Origano - Ortica - Papavero - Parietaria - Passiflora -Patata - Peperoncino - Piantaggine  - Pisello - Porro - Prezzemolo - Primula M. - Pungitopo - Rabarbaro - Rafano - Raperonzolo - Ribes Nero - Ribes Rosso - Rosa Canina - Rosmarino - Rovo - Rucola - Ruta - Salvia - Sambuco - Santoreggia - Sedano - Spinacio - Stevia Rebaudiana - Tarassaco - Te verde - Tiglio - Timo - Uncaria - Uva Ursina - Valeriana -  Verbasco - Verbena - Viola - Vischio - Zafferano - Zenzero - Zucca 
 
 
 
Cannella 
 
 
 
Ricerca personalizzata
 
 
Visita la nostra 
Articoli, Interviste e Conferenze alla ricerca del benessere
 
 
Cannella (Cinnamomum zeylanicum)  
 
Per quanto sia una pianta esotica e quindi non rinvenibile nelle nostre zone, la cannella si acquista con tale facilità e serve a tanti usi che non possiamo esimerci dal parlarne.  
 
Di sapore aromatico, della pianta di cannella si utilizza la corteccia dei giovani rami privata dallo strato esterno sugheroso ed essicata all’ombra. Per distillazione in corrente di vapore della droga si ottiene un pregiato olio essenziale che entra nella composizione di liquori e profumi.  
 
Tra le proprietà terapeutiche della cannella ricordiamo la notevole attività antisettica, le proprietà stimolanti delle funzioni circolatorie, cardiache e respiratorie. il suo leggero potere afrodisiaco. A questo scopo consjgliamo l’infusione di 5 gr di droga in un quarto di acqua calda per una decina di minuti. Uso: 2-3 tazzine ai giorno.  
 
Per chi avesse gengive deboli, lo stesso infuso può essere utilizzato per gargarismi. Una presa di cannella polverizzata unita ad un cucchiai di argilla ventilata serve a confezionare un buon dentifricio rinforzante delle gengive. 
 
Infine ecco la ricetta dell’Elisir di cannella, un liquore che farà la delizia dei golosi. Dosi per un litro: 5 gr di cannella, 10 gr di genziana. radice, 20 bacche di ginepro, 5 gr menta piperita. 10 gr di  limone, scorza, solo la parte gialla, i stecca di vaniglia, 350 gr di alcool a 95°, 300 gr di acqua, 500 gr di zucchero. Preparazione: frantumate in un mortaio vaniglia e cannella e ponetele a macerare nell’alcool dentro un vaso di vetro ermeticamente chiuso per una decina di giorni, avendo cura di scuotere il vaso due volte al giorno. Trascorso il periodo indicato filtrate e spremete bene le droghe, quindi aggiungete lo zucchero con il quale avrete fatto uno sciroppo sciogliendolo a fiamma debole nell’acqua. Amalgamate il tutto, lasciate riposare un giorno, filtrate e imbottigliate chiudendo con ceralacca.  
 
 
 
 
 
 
 
Copyright - 2006-2014. Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione anche parziale senza l'autorizzazione della Redazione 
Le indicazioni che troverete tra queste pagine vengono fornite al solo scopo informativo e non possono sostituire la consulenza di un medico. Ricordate che l'autodiagnosi e l'autoterapia possono essere pericolose. E' possibile rintracciare dei centri dove con breve attesa e pagando un ticket si può essere visitati. Anche il vostro medico di famiglia potrà esservi di aiuto.