Questa sezione è dedicata alle 
ERBE 
erbe logo 
La sezione Erbe è a cura di Osvaldo Cioè
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Aloe la pianta 
Specie medicamentose più note 
 
  
Abete Bianco - Acerola - Acetosa - Acetosella - Achillea - Aglio - Agrimonia - Alchemilla - Alloro - Aloe - Altea - Ananas - Aneto - Angelica (Dong Kwai) - Anice - Arnica - Artiglio del Diavolo - Assenzio - Avena - Barba di Becco - Bardana - Biancospino - Bietola - Borragine - Borsa del Pastore -  Calamo Aromatico - Calendula - Camomilla - Cannella - Capelvenere - Cappero - Caprifoglio - Carciofo - Cardo Mariano - Cardo Santo - Carota - Catuaba - Centaurea - Centella Asiatica - Centocchio - Celidonia - Cetriolo - Cicoria - Cipolla - Crescione - Convolvolo - Corbezzolo - Coriandolo - Crisantello Americano - Cumino - Dioscorrea Batatas - Dragoncello - Echinacea - Edera - Eleuterococco - Equiseto - Erba Cipollina - Erica Carnicina - Eucalipto - Eufrasia - Fagiolo - Faggio - Farfaro - Felce - Fieno greco - Finocchio - Fiordaliso - Fragola - Garcinia - Gelso - Gelsomino - Genepì - Genziana Gialla - Ginepro - Ginkgo biloba - Ginseng - Girasole - Guaranà - Gramigna - Granoturco  - Kawa Kawa - Iperico - Ippocastano - Issopo - Lampone - Lavanda - Lapacho - Lino - Liquirizia - Luppolo - Maca - Maggiorana - Malva -  Marapuama - Margherita - Marrubio - Melissa - Melone - Menta - Miglio - Mirtillo - Mirto - Nasturzio - Olivo - Origano - Ortica - Papavero - Parietaria - Passiflora -Patata - Peperoncino - Piantaggine  - Pisello - Porro - Prezzemolo - Primula M. - Pungitopo - Rabarbaro - Rafano - Raperonzolo - Ribes Nero - Ribes Rosso - Rosa Canina - Rosmarino - Rovo - Rucola - Ruta - Salvia - Sambuco - Santoreggia - Sedano - Spinacio - Stevia Rebaudiana - Tarassaco - Te verde - Tiglio - Timo - Uncaria - Uva Ursina - Valeriana -  Verbasco - Verbena - Viola - Vischio - Zafferano - Zenzero - Zucca 
 
 
 
Cicoria 
 
 
 
Ricerca personalizzata
 
 
Visita la nostra 
Articoli, Interviste e Conferenze alla ricerca del benessere
 
 
Cicoria (Cichorium intybus)  
 
Le foglie e le radici della cicoria, soprattutto della selvatica, sono apprezzate come eccellente depurativo del sangue e di conseguenza quest’erba è preziosa nella cura preventiva dell’artrite e dell’arteriosclerosi.  
 
Un efficace decotto che oltre risultare depurativo cura le affezioni del fegato e dei reni è il seguente: 200 gr di radice e foglie di cicoria, 30 gr di foglie di carciofo, 10 gr di gramigna. Il tutto va fatto bollire per 5-6 minuti in un litro d’acqua, filtrato e consumato per 20 giorni di seguito nella dose di un bicchiere al mattino a digiuno. Il decotto dà ottimi risultati anche nei casi di stitichezza cronica. 
 
La cicoria, inoltre, è un ottimo stimolante dello stomaco, facilita la digestione ed abbassa nel glicemico il tasso diabetico. A questo scopo è consigliabile una cura preventiva della durata di 15 giorni, primaverile ed autunnale. 
 
In cucina la cicoria, sia coltivata che selvatica, è una ghiottoneria per gli amanti delle verdure amarognole. Considerate le sue specifiche proprietà depurative e digestive, possiamo rafforzare questi pregi mescolandola col crescione ed altre erbe di stagione.  
 
Se dovete utilizzarla cotta, non gettate l’acqua di bollitura, ma consumatela a tazze conservandola magari in frigorifero. Essa rappresenta un brodo vegetale che poco ha da invidiare per le proprietà alle sostanze contenute in un estratto di carne.  
 
 
 
 
 
 
 
Copyright - 2006-2014. Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione anche parziale senza l'autorizzazione della Redazione 
Le indicazioni che troverete tra queste pagine vengono fornite al solo scopo informativo e non possono sostituire la consulenza di un medico. Ricordate che l'autodiagnosi e l'autoterapia possono essere pericolose. E' possibile rintracciare dei centri dove con breve attesa e pagando un ticket si può essere visitati. Anche il vostro medico di famiglia potrà esservi di aiuto.