Questa sezione è dedicata alle 
ERBE 
erbe logo 
La sezione Erbe è a cura di Osvaldo Cioè
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Aloe la pianta 
Specie medicamentose più note 
 
  
Abete Bianco - Acerola - Acetosa - Acetosella - Achillea - Aglio - Agrimonia - Alchemilla - Alloro - Aloe - Altea - Ananas - Aneto - Angelica (Dong Kwai) - Anice - Arnica - Artiglio del Diavolo - Assenzio - Avena - Barba di Becco - Bardana - Biancospino - Bietola - Borragine - Borsa del Pastore -  Calamo Aromatico - Calendula - Camomilla - Cannella - Capelvenere - Cappero - Caprifoglio - Carciofo - Cardo Mariano - Cardo Santo - Carota - Catuaba - Centaurea - Centella Asiatica - Centocchio - Celidonia - Cetriolo - Cicoria - Cipolla - Crescione - Convolvolo - Corbezzolo - Coriandolo - Crisantello Americano - Cumino - Dioscorrea Batatas - Dragoncello - Echinacea - Edera - Eleuterococco - Equiseto - Erba Cipollina - Erica Carnicina - Eucalipto - Eufrasia - Fagiolo - Faggio - Farfaro - Felce - Fieno greco - Finocchio - Fiordaliso - Fragola - Garcinia - Gelso - Gelsomino - Genepì - Genziana Gialla - Ginepro - Ginkgo biloba - Ginseng - Girasole - Guaranà - Gramigna - Granoturco  - Kawa Kawa - Iperico - Ippocastano - Issopo - Lampone - Lavanda - Lapacho - Lino - Liquirizia - Luppolo - Maca - Maggiorana - Malva -  Marapuama - Margherita - Marrubio - Melissa - Melone - Menta - Miglio - Mirtillo - Mirto - Nasturzio - Olivo - Origano - Ortica - Papavero - Parietaria - Passiflora -Patata - Peperoncino - Piantaggine  - Pisello - Porro - Prezzemolo - Primula M. - Pungitopo - Rabarbaro - Rafano - Raperonzolo - Ribes Nero - Ribes Rosso - Rosa Canina - Rosmarino - Rovo - Rucola - Ruta - Salvia - Sambuco - Santoreggia - Sedano - Spinacio - Stevia Rebaudiana - Tarassaco - Te verde - Tiglio - Timo - Uncaria - Uva Ursina - Valeriana -  Verbasco - Verbena - Viola - Vischio - Zafferano - Zenzero - Zucca 
 
 
 
Rafano 
 
 
 
Ricerca personalizzata
 
 
Visita la nostra 
Articoli, Interviste e Conferenze alla ricerca del benessere
 
 
Rafano (Armoracia rusticana)  
 
Il rafano, conosciuto anche con i nomi, di Cren, Barbaforte, Rafano rusticano, cresce selvatico in alcune zone d’Italia. 
 
Ama i terreni freschi, le posizioni ombrose e viene coltivato negli orti per il particolare sapore piccante delle radici che lo fanno apprezzare come salsa di contorno nei bolliti. 
 
A scopo medicinale si raccolgono le radici in autunno a partire dal secondo anno d’impianto che andranno conservate fresche stratificate nella sabbia.  
 
A fini proteici esse possono essere utilizzate cotte o crude. Nel secondo caso dopo averle grattugiate si condiscono con aceto e sale in modo da formare una salsa dal sapore fortemente piccante che verrà conservata in vasetti di vetro.  
 
Come medicinale il rafano viene utilizzato come antiscorbutico, anticatarrale e depurativo. Contro i calcoli della bile risulta efficace la seguente ricetta: si estrae per centrifugazione della radice il succo della quale si consumerà nella misura di 70 gr la prima volta e si aumenterà progressivamente la dose fino ad arrivare dopo 20 giorni al consumo giornaliero di 350 gr di succo. Giunti a questo limite si scala a ritroso fino ad arrivare dopo altri 20 giorni agli iniziali 70 gr giornalieri e qui termina la cura. 
 
L’uso del rafano non si consiglia a chi soffre di infiammazioni intestinali, ai malati di reni, nei casi di acidità di stomaco, ulcera gastrica e duodenale.  
 
 
 
 
 
 
 
Copyright - 2006-2014. Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione anche parziale senza l'autorizzazione della Redazione 
Le indicazioni che troverete tra queste pagine vengono fornite al solo scopo informativo e non possono sostituire la consulenza di un medico. Ricordate che l'autodiagnosi e l'autoterapia possono essere pericolose. E' possibile rintracciare dei centri dove con breve attesa e pagando un ticket si può essere visitati. Anche il vostro medico di famiglia potrà esservi di aiuto.