Questa sezione è dedicata agli 
Esami Clinici 
 
tratto dal libro "Gli Esami Clinici" di Mario Laffey Fox e Truman G. Schnabel - Ed. Euroclub
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Naso 
 
 
 
 
Esami non invasivi 
Esami invasivi 
 
 
 
Reni 
 
 
 
 
 
 
Scintigrafia cerebrale 
 
 
 
Ricerca personalizzata
 
 
Visita la nostra  
Articoli, Interviste e Conferenze alla ricerca del benessere
 
 
In cosa consiste e perché viene richiesto l’esame di scintigrafia cerebrale?  
 
La scintigrafia cerebrale viene richiesta per determinare se vi siano delle zone di alterazione cerebrale.  
 
Una sostanza radioattiva viene iniettata nel sangue e raggiunge per questa via il cervello dove una parte di essa normalmente passa nel tessuto cerebrale.  
 
Una complessa apparecchiatura esegue la scintigrafia del capo mentre avviene questo processo e registra la quantità di radiazioni provenienti dalle diverse parti del cervello.  
 
La quantità di sostanza radioattiva che passa nel tessuto cerebrale e quindi la radioattività di questo è molto maggiore in sede di tumori, ascessi o zone lese del cervello che non nel tessuto cerebrale normale.  
 
Preparazione necessaria  
Di solito nessuna, sebbene in qualche caso si può dare da bere una piccola quantità di sostanza radioattiva 24 ore prima dell’esame.  
 
Come viene eseguita la scintigrafia cerebrale?  
Viene leggermente stretto con un laccio di gomma un braccio e quindi il materiale radioattivo viene iniettato in una vena a livello del gomito. Successivamente, da 15 minuti a 1 ora dopo l’iniezione, il paziente viene posto sotto l’apparecchiatura scintigrafica in diverse posizioni e la radioattività del cervello viene registrata. 
 
E importante che durante questo processo il paziente tenga la testa il più ferma possibile.  
 
Dove e da chi viene eseguita la scintigrafia?  
Di solito questo esame viene eseguito in un laboratorio specializzato dotato di apparecchiatura scintigrafica. 
 
L’iniezione viene di solito fatta da un medico mentre l’esame viene eseguito da personale specializzato.  
 
Quanto tempo dura?  
Da quarantacinque minuti a 1 ora.  
 
Come ci si sente?  
Nessun disturbo.  
 
Rischi connessi alla scintigrafia 
Il rischio è minimo. Può tuttavia manifestarsi una reazione da ipersensibilità verso i radioisotopi.  
 
E' opportuno che il paziente informi il medico, prima dell’esame, se soffre di manifestazioni allergiche.  
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Copyright - 2006-2014. Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione anche parziale senza l'autorizzazione della Redazione 
Le indicazioni che troverete tra queste pagine vengono fornite al solo scopo informativo e non possono sostituire la consulenza di un medico. Ricordate che l'autodiagnosi e l'autoterapia possono essere pericolose. E' possibile rintracciare dei centri dove con breve attesa e pagando un ticket si può essere visitati. Anche il vostro medico di famiglia potrà esservi di aiuto.