25 settembre 2016

Massaggi contro il mal di schiena

Massaggi contro il mal di schiena
Massaggi contro il mal di schiena
Massaggi
Una serie di utili manovre che contribuiscono ad alleviare le tensioni, risolvono le contratture muscolari, rendono l’apparato locomotore più elastico e, non ultimo, aiutano a combattere in modo piacevole e naturale i sintomi dello stress.
• Fate assumere alla persona la posizione prona, quindi ponetele un cuscino basso e quadrato sotto la pancia, per scaricare le vertebre e allungare i muscoli lombari;
• iniziate praticando pressioni con la palma della mano prima sulla regione sacrale e poi sui glutei; usate il peso del vostro corpo e trasmettete la pressione attraverso il braccio diritto, perpendicolare al punto di pressione;
• calibrate la pressione aumentandola per tre secondi, poi diminuitela gradualmente nei tre secondi successivi; non esagerate, assicuratevi che la manovra sia piacevole per chi la riceve e che il dolore, al contrario, non si accentui;
• praticate poi una pressione combinata delle mani, una posta sulla regione sacrale e l’altra sull’apice della cifosi dorsale, più o meno al centro tra le scapole;
• premendo, allargate le braccia come se voleste allontanarle tra di loro, provocando così l’allungamento generale della colonna vertebrale;
• ripetete l’operazione ponendo una mano su un gluteo e l’altra sulla scapola, sullo stesso lato, premendo e allungando;
• ripetete sull’altro lato: ricordate di praticare le manovre lentamente, contando fino a tre anche mentre rilasciate;
• iniziate poi il massaggio con sfioramenti lunghi, prima leggeri e poi più profondi;
Cause ed effetti  
Nonostante la sua estrema diffusione, raramente il mal di schiena è dovuto a patologie vere e proprie: più spesso, la sintomatologia dolorosa è infatti causata dalla mancanza di attività fisica o da posture scorrette e protratte nel tempo o, più semplicemente, è un segnale dello stress che si manifesta a livello corporeo. Nelle persone che soffrono di mal di schiena, i muscoli della regione lombare sono tesi e accorciati, mentre gli addominali tendono ad allungarsi e a indebolirsi, provocando il tipico atteggiamento posturale in iperlordosi, con la curva lombare molto pronunciata e l’addome e il sedere in fuori.
• frizionate energicamente con movimenti superficiali e veloci la zona lombare e dorsale, assicurandovi di non provocare dolore, e create un piacevole calore su tutta la zona;
• impastate tutta la muscolatura, partendo dai glutei e alternando la manovra a sfioramenti profondi e frizioni, sia lenti e profondi (che sciolgono i tessuti e producono reazioni riflesse), sia veloci e superficiali (che riscaldano);
• se i muscoli sono molto tesi, applicate le manovre di vibrazione per favorire il rilassamento;
• terminate il massaggio con sfioramenti progressivamente più lenti e superficiali;
• coprite la schiena e lasciate riposare. Per ottenere risultati che durano nel tempo, ripetete il massaggio per il mal di schiena 2-3 volte la settimana, per tre settimane, quindi continuate con un massaggio settimanale.
Tratto da “I manuali del benessere” del Corriere della Sera a cura di Davide Sechi

Related posts