08 dicembre 2016

Le fasi mestruali

Mestruazioni, le fasi mestruali

1. Fase follicolare (1°-7° giorno): in questo periodo si verifica un incremento di FSH (ormone follicolo-stimolante), che promuove lo sviluppo del follicolo ovarico. Gli estrogeni avviano ogni mese la crescita di circa 15-20 follicoli all’interno delle ovaie; uno solo di questi follicoli (follicolo dominante) andrà incontro a fisiologica “rottura” con liberazione dell’ovulo, potenzialmente fecondabile, in esso sviluppatosi (ovulazione). Si determina un lento e progressivo incremento degli estrogeni con conseguente relativa diminuzione di FSH e lieve aumento costante di LH (ormone luteinizzante).
2. Fase follicolare preovulatoria (8°-11° giorno): in questa fase si assiste al netto aumento degli estrogeni, l’endometrio assume il tipico aspetto proliferativo, il muco prodotto dalla cervice uterina si trasforma in una sostanza abbondante, più acquosa ed elastica.
3. Fase periovulatoria (12°-14° giorno): è il picco periovulatorio degli estrogeni, in particolare dell’estradiolo. Il momento dell’ovulazione è variabile da donna a donna e si situa tra il giorno 11 e il giorno 21 del ciclo, tenendo presente che l’ovulazione avviene sempre 14 giorni prima della mestruazione successiva. Pertanto se l’ovulazione avviene all’undicesimo giorno del ciclo quel ciclo sarà destinato a durare 25 giorni, mentre se al ventunesimo giorno quel ciclo durerà 35 giorni.
4. Fase luteinica iniziale o luteotropa (15°-21° giorno): i livelli di LH e FSH cominciano a declinare, entro tre giorni dall’ovulazione, il follicolo dominante si trasforma in un organello denominato corpo luteo con funzione endocrina di produzione di estrogeni e progesterone. Questa nuova unità endocrina garantisce l’equilibrio ormonale necessario a creare le condizioni ottimali per l’impianto dell’uovo. L’endometrio assume l’aspetto secretivo, il suo spessore si riduce a 5-6 mm.
5. Fase luteinica-Flusso mestruale (21°-28° giorno): presenza del corpo luteo con picco massimo plasmatico del progesterone. FSH e LH hanno i livelli più bassi di tutto il ciclo mestruale, con endometrio tipicamente secretivo. Se i bassi livelli di LH non vengono sostituiti dall’equivalente ormone placentare, la gonadotropina corionica umana (HCG), il corpo luteo regredisce, c’è la brusca diminuzione del tasso plasmatico di estradiolo e progesterone, l’endometrio si sfalda producendo il flusso mestruale. L’aumento di FSH ed LH, per il feedback negativo indotto dal crollo dei valori di estradiolo e progesterone, è l’evento in grado di innescare un nuovo ciclo mestruale.

Sezione a cura di Daria Fago (Naturopata)

Le terapie naturali vanno sempre personalizzate, le cure vanno date da un terapeuta esperto, questi sono solo consigli generali 

 

Related posts