29 agosto 2016

Indigestione e vomito

Indigestione e vomitoL’ indigestione, cioè l’assunzione di cibi che risultano poco digeribili per qualità e/o quantità, è una forma più lieve di gastrite acuta, cioè senza erosioni e può provocare il vomito ..
Gli alimenti in questo caso provocano sulla mucosa un effetto lesivo molto simile a quello che produce nelle comuni gastriti l’acido cloridrico.
Senso di pesantezza e gonfiore, nausea e dolori intensi sono i sintomi principali, a cui possono aggiungersi anche mal di testa e diarrea. Il vomito in questi casi è il rimedio più efficace, benché assai sgradevole, che l’organismo può mettere in atto per uscire da una situazione pericolosa o di sovraccarico.
Altre volte il vomito deve essere stimolato.
Per alcuni liberarsi degli alimenti è relativamente semplice con l’operazione del vomito autoindotto (ponendo due dita sulla parte della lingua vicino alla gola si stimola il riflesso); un atto che, seppur liberatorio, deve essere considerato eccezionale, anche perché c’è il rischio di lesionare la gola e l’esofago.
Per altri invece rigettare il cibo è molto difficile, anche psicologicamente, e sono così “condannati” a digerire con fatica e lentamente quanto ingerito, In questi casi i medici consigliano farmaci che facilitano lo svuotamento dello stomaco.

Tratto dal libro “I rimedi naturali per lo stomaco” – Riza

Related posts