14 Novembre 2019

Il deserto del Negev

Acqua Diamante
Acqua Diamante

Sembrerebbe che molti di noi, ed io stesso in ogni caso, abbiano innocentemente, ingenuamente, involontariamente o volontariamente contribuito a questa manipolazione, perché in quell’epoca, anche se c’era una tecnologia avanzata, a base di cristalli, a base di scambi interspaziali, ecc., noi eravamo molto ingenui: “Tutto il mondo era bello e gentile!” E non è per caso che io sia ora guidato in questa ricerca, perché in un certo qual modo ho contribuito anch’io.

Sembrerebbe dunque che in questa vita, e dopo non poche vite, io mi sia preparato a fare dei sistemi, dei mezzi affinché gli esseri umani che noi siamo – in ogni caso l’essere umano che tutti noi qui siamo – possa avere un terreno genetico favorevole agli avvenimenti che arriveranno da ora al 2012, e che sono già cominciati. Perché? Perché per diventare Cristo, è la carne che diventa Cristo, è veramente tutta la carne che si trasforma fino alle dita dei piedi. Se la genetica non è pronta, la carne brucia. Per me è chiaro, è la mia visione della realtà, ma non dico che questo sia vero.

Mi è stato detto in un sogno che devo riportare in salvo tutti quelli che si erano smarriti nel deserto del Negev, è il ruolo che devo interpretare in quanto trasmettitore. Il deserto del Negev si trova nel sud di Israele. E’ là che è stato seppellito Abramo. Il deserto del Negev rappresenta gli esseri in relazione con IS RA EL, il cui nome deriva da ISIDE, scampata da Atlantide, RA, scampato da Atlantide, ed ELOHIM. Si tratta dunque di aiutare tutti quelli che, a causa del virus informatico impiantato nel loro DNA, hanno avuto la loro sessualità femminile completamente bloccata allo stadio di coscienza di mammiferi, al livello del sistema di rettili.

Il grosso problema che ha causato che noi restassimo un po’ primati – dico un po’ per essere gentile — è che la sessualità femminile, tanto negli uomini quanto nelle donne, è stata impiantata. E’ stato cioè inserito un tipo di virus, perché tutti i colonizzatori che vogliono fare della Terra una buona terra di schiavitù sanno molto bene che il giorno in cui la nostra sessualità femminile sarà realizzata, noi saremo capaci di andare nell’antimateria, di tele trasportarci, di materializzare il pane che mangiamo. Sanno bene che non avremo più bisogno di attrarre o di essere attratti, dunque non ci saranno più antipatie, sofferenze, disgrazie, e saremo potenti.

Coloro che si sono smarriti nel deserto del Negev, siamo tutti noi. Ed è a causa di quest’energia di tipo rettile che si ha la pretesa di diventare proprietari di un essere umano, perché esso appare essere nostro figlio, nostra moglie o nostro marito, o nostro parente, nostro fratello, nostra sorella. Ora, più vi sono degli “m”, mio, mia, miei, più si è lontani dalla verità, poiché in effetti, sulla terra, non c’è che un solo essere, un solo Umano con più di 6 miliardi di cellule. E forse il doppio o il triplo di cellule che sono non—incarnate, costituiscono il corpo energetico di quell’umanità, dove vivono i morti, che non sono per niente morti.

Related posts

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per fornirti servizi e pubblicità in linea con le tue preferenze. Se chiudi questo banner o prosegui con la navigazione cliccando un elemento della pagina ne accetti l'utilizzo. Per maggiori informazioni su come modificare il consenso e le impostazioni dei browser supportati.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi