19 Novembre 2019

Nasce l’Acqua Diamante

Acqua Diamante
Acqua Diamante

Una volta fatti questi tubi, non sapevo neppure che sarebbero serviti per fare dell’acqua, ma, nonostante tutto, ho avuto dei messaggi e dei segni. Mi si diceva: “Sarà forse dell’acqua….”, e nel mese di ottobre 99 è nata la prima “acqua diamante”. Vi erano già almeno 700 codici nei miei tubi, ma allora essa non era moltiplicabile: occorreva mettere delle gocce in un po’ d’acqua, pronunciare un’intenzione, berla. Le cose andavano già abbastanza bene.

Sono stato poi invitato, nel mese di novembre, a Parigi, per spiegare questa ricerca ad un gruppo di persone. Erano tutti Ebrei che studiavano la Cabala. Mi sono chiesto perché ero stato invitato, perché la vita mi conduceva in quel luogo, ed ho capito che dovevo mettere i codici della lingua ebraica. L’ho capito quindici giorni dopo, una volta tornato a casa. Ho comprato un libro sulle lettere ebraiche, Il Regno dello splendore di Marie Elia. Dopo la lettura ho cominciato a fare dei calcoli su queste lettere. E’ successo che si sono avuti come risultato 144 codici, 12 volte 12, che sono stati aggiunti nei miei apparecchi. Si mette allora un apparecchio in un bicchiere d’acqua, si aspetta per 12 ore, e dopo si ha un bicchiere d’acqua diamante che si può moltiplicare e condividere con tutti.

Ecco, all’ingrosso, la cronistoria dell’acqua diamante. Presto vi lascerò porre delle domande, poiché certamente quando io parlo in questo modo dimentico molte cose, e siete voi che me le fate ricordare. E’ soltanto nel mese di aprile 2000, dunque, che quest’acqua è diventata moltiplicabile, grazie a quei codici ebraici. Sento ora di dovervi dire il perché di quei codici ebraici. In Atlantide, trenta o quaranta mila anni fa, tutti noi abbiamo subito una manipolazione del DNA. Avete forse sentito dire, perché ora è cosa conosciuta, che a quell’epoca avevamo 12 filamenti di DNA — alcuni dicono 36. Adesso noi ne abbiamo soltanto più 2. Sembrerebbe che il fatto di non avere più di 2 filamenti di DNA ci abbia fatto affondare in un sistema di coscienza del bene e del male. E per quelli che vogliono giocare un poco con noi, è molto facile manipolarci per mezzo delle redini del bene e del male, come si dirige una carrozza a cavalli.

Related posts

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per fornirti servizi e pubblicità in linea con le tue preferenze. Se chiudi questo banner o prosegui con la navigazione cliccando un elemento della pagina ne accetti l'utilizzo. Per maggiori informazioni su come modificare il consenso e le impostazioni dei browser supportati.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi