07 Dicembre 2019

La dieta per il segno dell’Acquario

 La dieta per il segno dell’Acquario
Astrologia e Salute
Astrologia e Salute
A meno che gli aspetti siderali del vostro tema di natività indichino diversamente (per esempio se avete Venere nel Cancro), è improbabile che siate portati a preoccuparvi molto per la vostra dieta.
Certo, voi Acquario siete in grado di apprezzare pienamente una ricca imbandigione e un bel manicaretto, ma con altrettanto e forse maggior gusto consumereste qualche robusto e genuino piatto preparato magari all’aperto, sul fuoco di un campeggio, in qualche luogo di riposo, in mezzo alle bellezze della natura.
Il dominatore del segno dell’ Acquario è Urano, che è considerato dagli astrologi come uno dei pianeti più energici, nonostante sia a distanza enorme dalla Terra. Il dottor Cornell era però dell’opinione che pochissimi nell’umanità contemporanea fossero già talmente sensibilizzati sotto il profilo spirituale, da essere in grado di captare e reagire alle vibrazioni più elevate di questo pianeta, e sosteneva che sia Urano come Nettuno eserciteranno un influsso più effettivo soltanto nei confronti della umanità del futuro.
L’influenza di Urano sull’organismo del” Acquario include una predisposizione a deficienze circolatorie, specialmente per quanto riguarda i vasi sanguigni dei reni e delle gambe. Per questo motivo la dieta di chi è nato nell’Acquario dovrebbe essere sempre rinforzata da vitamina C e da quelle di altri gruppi, capaci di tonificare il sistema venoso. Utile anche la vitamina E, in dosi robuste, che verranno consigliate dal medico. Tutti questi preparati serviranno appunto a prevenire complicazioni vascolari, specialmente per i soggetti dell’Acquario che abbiano sorpassato i trentacinque anni d’età.
La frutta fresca, come arance, limoni, mele, pere, uva e ananassi, dovrebbe sempre far parte della vostra dieta quotidiana.
Nel caso il vostro oroscopo abbia un Urano in posizione maligna, le vostre paratiroidi tenderanno a risentirne l’influenza nefasta, con la conseguenza che esse secerneranno ormoni in quantità insufficiente per assicurare all’organismo un normale equilibrio calcio-sodico.
Ne deriveranno un aumento di tensione nervosa, irritabilità e continuo senso di stanchezza.
Le riserve di calcio dei tessuti potrete ricostituirle e rifornirle adeguatamente, consumando vivande e cibi ricchi di tale elemento chimico: per esempio, latte, formaggi, soia, mandorle, melassa, senape e rape.
Il sale cellulare dell’ Acquario è il cloruro di sodio meglio noto sotto la definizione di « sale da cucina ».
Ora, se mai vi è capitato di lasciare esposto del sale di questo tipo in un ambiente molto umido, vi sarete certamente resi conto che esso presenta la caratteristica di essere fortemente igroscopico (cioè dì assorbire l’acqua).
La stessa funzione il cloruro di sodio la svolge e la esercita nei tessuti dì tutto il vostro organismo, ma più specialmente lungo il dotto intestinale.
A questo proposito, giudicate da questo particolare come ciò sia in totale e palese contraddizione con il simbolo del vostro segno: il donatore di acqua!
Allorché nel vostro corpo si verifica una deficienza di cloruro di sodio, l’acqua (che costituisce circa il 70 per cento di tutti i tessuti) non viene più controllata e distribuita in modo equilibrato e regolare. Le conseguenze dì questa insufficiente erogazione possono dar luogo all’insorgere di catarri, idropisia, diarree, sino a determinare, in taluni casi estremi, collassi e stati di delirio.
Sfortunatamente non è possibile metter rimedio a una deficienza di cloruro di sodio, limitandosi a salare di più le vivande! Infatti il comune sale da cucina non può immettersi nel torrente sanguigno, perché la sua struttura molecolare è troppo grossolana per riuscire à essere assorbita dai sottilissimi vasi capillari (esistenti nelle mucose) che normalmente si incaricano appunto di assimilare elementi chimici dì questo genere.
Pertanto un eccesso di sale nei cibi potrà comportare in definitiva soltanto un indurimento delle arterie disturbi renali, colpi apoplettici e tutta una serie di alterazioni epiteliali.
Invece il modo più indicato per procurarvi l’indispensabile rifornimento di questo vostro sale cellulare consiste nell’inserire nella vostra dieta cibi che ve lo forniscano in una forma perfettamente assimilabile da parte dei vostri organi digestivi.
I cibi che contengono dosi considerevoli di cloruro di sodio sono:, cavoli, spinaci, asparagi, sedano, ravanelli, carote, orzo, lenticchie, pesci e frutti di mare in genere, fragole; mele e fichi.
Nel caso il vostro organismo ne accusi una grave insufficienza, il vostro sale cellulare potrete procurarvelo in forma è dosi più concentrate, acquistando il preparato biochimico in pastiglie, conosciuto come Natrum Muriaticum; ma sempre! facendovelo prescrivere dal medico.
Tra le erbe collegate direttamente con il  segno dell’ Acquario, citerò: consolida, tanaceto, agrifoglio marino.
Il farmaco omeopatico dell’ Acquario è l’Arsenicum Album.

Tratto dal libro “Astrologia e Salute di V. Garrison” – Longanesi

Related posts

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per fornirti servizi e pubblicità in linea con le tue preferenze. Se chiudi questo banner o prosegui con la navigazione cliccando un elemento della pagina ne accetti l'utilizzo. Per maggiori informazioni su come modificare il consenso e le impostazioni dei browser supportati.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi