20 Luglio 2019

Movimenti del massaggio anticellulite

Cellulite
Cellulite

Quali movimenti del massaggio anticellulite bisogna usare?  

I movimenti del massaggio anticellulite usati sono cinque: frizione, impastamento, picchiettamento, massaggio e torsione, Ciascuno di questi movimenti ha un valore specifico e una diversa funzione.
La frizione leggera prepara la pelle ai movimenti del massaggio anticellulite che seguiranno. Torsione, picchiettamento, massaggio a “S” e tutti i tipi di impastamento distruggono e sciolgono i noduli cellulitici. La frizione profonda, che di solito si fa alla fine di ogni seduta, aiuta a far defluire nel sistema vascolare le scorie liberate dal massaggio e favorirne l’espulsione.
Se si omette o si trascura la frizione profonda, tutto l’effetto del massaggio va perduto. Quindi cercate di seguire sempre questo ordine di movimenti del massaggio anticellulite.
Per frizione leggera si intende l’insieme di quei lunghi, fluidi movimenti che “accarezzano” la pelle in una sola direzione, cioè verso il cuore. Questo massaggio prepara la zona ai movimenti più energici.
Appoggiate le mani e piegate leggermente le dita in modo da seguire i contorni della zona da massaggiare. Con un movimento scorrevole, frizionate sempre in un senso: verso l’alto, in direzione del cuore, se massaggiate gambe e fianchi; con moto circolare, in senso orario, se massaggiate l’addome.
L’impastamento consiste nell’afferrare un bel pezzo di carne, sollevano, staccandolo dalla struttura sottostante, e strizzarlo. Potete eseguire l’impastamento con le dita o con tutta la mano.
Nell’impastamento con le dita sollevate la pelle, tra il pollice e la punta delle dita, dai tessuti sottostanti e strizzatela. Sollevate e strizzate, sollevate e strizzate: vi sarà più semplice se state in piedi, con una gamba appoggiata a uno sgabello, al bordo della vasca da bagno ecc. Ma potete anche sedervi e rilassarvi. I pizzicotti fanno affluire il sangue in superficie e favoriscono l’eliminazione delle scorie. L’impastamento con le dita è sempre efficace, ma risulta più adatto per le zone piccole (la parte interna del ginocchio, la parte alta delle braccia, le caviglie).
Per impastamento a mano si intende invece sollevare e strizzare la pelle con tutta la mano. Questo sistema funziona meglio nelle zone più larghe, dove potete veramente afferrare un bel pezzo di carne. Il movimento esatto è simile a quello che si fa, per esempio, impastando il pane o strizzando una spugna. Usate una mano sola oppure tutt’e due, a seconda delle dimensioni della zona. Potete lavorare con una mano sola sulle natiche e sui lati delle gambe e con tutt’e due le mani sulla stessa gamba. La posizione in piedi è importante quando massaggiate dalla parte alta delle cosce alla parte alta dei fianchi. Per massaggiare invece le altre parti della gamba è meglio appoggiarsi a uno sgabello, o al bordo della vasca da bagno perché i muscoli possano rilassarsi.
Il picchiettamento è un movimento di pressione eseguito in senso circolare, con le dita piegate, in modo che le nocche facciano pressione sulla pelle. Qui si può veramente affondare, schiacciare la cellulite, ridurre e combattere quei brutti bozzi. Se la cellulite è di tipo solido o duro, questa fase di massaggio dovrebbe seguire immediatamente la frizione leggera. Infatti non è possibile sollevare e strizzare la cellulite dura. Il picchiettamento è ottimo per i fianchi, la parte alta delle cosce e l’addome.
Il massaggio a forma di “S” consiste nell’usare il pollice e le dita di ambedue le mani per sollevare un pezzo di carne. Le mani vanno avanti e indietro con moto opposto, formando una piega a forma di S. Muovete quei cuscinetti: questo massaggio è profondo e lo sentirete agire. Lavorate in modo lento e fermo per ottenere migliori risultati. Sollevate e torcete l’addome, i fianchi, le cosce, la zona intorno al ginocchio, sia all’interno, sia all’esterno.
La torsione è, in pratica, il massaggio a forma di “S” fatto senza sollevare la carne. un massaggio ad azione profonda. Anche questa volta, potete prendervela direttamente con la cellulite ed eliminarla dalla vostra vita! Posate le mani sulla zona da massaggiare e torcete avanti e indietro, più o meno come quando torcete i panni. E un’alternativa al massaggio a “S” per chi ha la cellulite dura. La torsione può esser fatta in qualsiasi posizione (con le gambe allungate o sedute), purché i muscoli delle gambe siano completamente rilassati. L’ampia zona della coscia è adattissima a questo tipo di massaggio.
La frizione profonda conclude sempre la seduta di massaggio. un movimento energico, a piena pressione, che va in direzione del cuore. Aumenta la circolazione del sangue e della linfa, allevia la congestione e affretta la rimozione delle scorie tossiche dai tessuti. Come per la frizione leggera usate la mano intera, piatta, a dita incurvate. Con un movimento scorrevole, esercitate la pressione mentre frizionate in direzione del cuore le gambe e i fianchi e con moto circolare l’addome. Questo massaggio elimina le scorie liberate dalle altre manipolazioni.
Durante la frizione profonda sarebbe bene eseguire il massaggio applicando una lozione profumata. In questo modo potete esercitare una pressione energica e regolare con movimenti lunghi e dolci e, in più, proverete una piacevole sensazione di benessere.
Il massaggio d’acqua di mare 
Le ricche acque dell’oceano costituiscono un magnifico milieu per un massaggio naturale e piacevolissimo Tutti sanno ormai che le alghe marine sono particolarmente efficaci nella distruzione dei cuscinetti cellulitici. Diretto contro il corpo dalla forza dell’onda, il mare diventa un impareggiabile massaggiatore naturale. Ogni volta che vi trovate su una spiaggia approfittate quindi di questo massaggio naturale.
Mettetevi nell’acqua in modo che le onde si infrangano contro le zone colpite dalla cellulite.
Sdraiatevi sulla riva e lasciatevi schiaffeggiare dalle onde,
Camminate lungo la riva, proprio dove si infrangono le onde. E di grande sollievo per le gambe facili alla stanchezza e particolarmente efficace per le caviglie.
Un massaggio fantastico nel cortile di casa vostra 
Servitevi di una normale pompa da giardino e aprite al massime il rubinetto, Partendo da una caviglia dirigete il getto a angolo, e arrivate uno ai fianchi. Eseguite l’operazione su tutte due le gambe da tutti i lati: davanti, dietro e di fianco. Concentratevi poi sui punti critici, spruzzando sempre da basso verso l’alto. Finite spruzzando di nuovo tutta la gamba. dal basso in alto. Occorreranno da dieci ai venti minuti. Questo idro-massaggio stimola la circolazione, favorisce l’eliminazione dei depositi cellulitici e tonifica i tessuti.

Tratto dal libro “Cellulite” di Nicole Ronsand -Sonzogno

Related posts

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per fornirti servizi e pubblicità in linea con le tue preferenze. Se chiudi questo banner o prosegui con la navigazione cliccando un elemento della pagina ne accetti l'utilizzo. Per maggiori informazioni su come modificare il consenso e le impostazioni dei browser supportati.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi