03 Luglio 2020

Escursione alla scoperta dei Fiori di Bach

Fiori di Bach 
Escursione guidata alla scoperta dei Fiori di Bach 
 mix_11
Alla fine di uno dei corsi di floriterapia proposti dalla LQPI e condotto dalla dott.ssa Marcella Saponaro, abbiamo fatto l’esperienza, insieme ad alcuni partecipanti, di una giornata trascorsa alla scoperta dei fiori nel loro ambiente naturale. Aver conosciuto attraverso lo studio le proprietà di un rimedio rende l’incontro in natura ricco di significati, è come incontrare una persona che si conosce nelle sue caratteristiche più intime, e a sua volta l’incontro con la pianta, entrare in sintonia con essa e con le sue vibrazioni armonizzanti, osservare l’ambiente in cui cresce, il suo portamento, la relazione con le piante vicine,  e soprattutto vederne il fiore che è poi l’essenza del rimedio, vedere la sua forma e colore, sentirne anche il sapore, rende lo studio e l’applicazione nella pratica arricchiti di una consapevolezza diversa.
Le prime piante che incontriamo sono roverelle e un bel noce, anche se non molto grande. Del noce osserviamo che preferisce avere molto spazio in cui crescere, perciò piuttosto isolato da altre piante. Tiene così a bada le influenze e le interferenze esterne, e anche il suo odore forte tiene lontani animali e insetti. Le roverelle che noi incontriamo non sono esattamente la specie usata da Bach per preparare il rimedio Oak, che viene dal rovere o dalle farnie. Sono gli ultimi alberi a  perdere le foglie. Iniziano già a coprirsi di foglie nuove tenere e verdi, in primavera, e ancora resistono, come resiste Oak alle fatiche, con le vecchie foglie attaccate!
Più avanti sul sentiero incontriamo un cespuglio di rosa canina, Wild Rose, che trabocca dello stato positivo del rimedio:  robusta, si riempie di fiori dal delicato profumo, i petali sono a forma di cuore e sembra l’espressione dell’amore per la vita e del desiderio di aprirsi a essa che mancano quando perdiamo interesse e diventiamo passivi e inerti. Continuando a salire troviamo poi l’eliantemo, Rock Rose, e la Stella di Betlemme. La stella a sei punte è di un intenso bianco luminoso, morbido, che accoglie e aiuta a uscire dall’oscurità in cui il trauma di un dolore vecchio o nuovo ci ha fatto sprofondare.
Il giallo brillante e dorato dell’eliantemo sembra la luce forte del sole che ci scuote dal terrore che immobilizza dal caos mentale in cui precipitiamo di fronte a una emergenza, riportando chiarezza e coraggio. In cima al nostro sentiero dapprima incontriamo un bell’esempio di felice convivenza tra diversi rimedi: un melo selvatico, Crab Apple, fa da sostegno a una pianta di caprifoglio e tutt’intorno rosa canina, piccole querce e pioppi tremoli. Il caprifoglio, Honeysuckle, è dolciastro nell’odore e nel sapore, come i ricordi di un passato lontano che rimpiangiamo. Mi viene spontaneo pensare al sapore di altri rimedi. Rock Rose ha un sapore asciutto, che “lega”, come quando si è legati, immobilizzati in uno stato di shock; Centaury è molto amara, come la condizione di chi vorrebbe essere al servizio  ma finisce per essere succube di una personalità più forte.
E Agrimony ha un sapore aspro e un odore frizzante, agrumato: non ci fa pensare forse alla sua effervescenza e al suo tormento interiore? Ma la sorpresa più grande la incontriamo quando tra roverelle e pioppi tremoli (Aspen) che, si sa, fragili e slanciati  anche nel fusto, tremano nelle foglie a ogni alito di vento che passa tra i rami, tra noccioli, ornielli e carpinelle troviamo il famigerato faggio, quello che “non tollera altri arbusti e altri alberi”. È forse l’aspetto positivo di Beech che qui ha preso il sopravvento?
 
Nicoletta Bucchicchio 
Erborista, farmacista e floriterapeuta 

Related posts

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per fornirti servizi e pubblicità in linea con le tue preferenze. Se chiudi questo banner o prosegui con la navigazione cliccando un elemento della pagina ne accetti l'utilizzo. Per maggiori informazioni su come modificare il consenso e le impostazioni dei browser supportati.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi