08 Luglio 2020

Yoga per il mal di testa

Yoga per il mal di testa
 yoga_11
L’antica disciplina yoga, praticabile a tutte le età, aumenta lo stato di calma interiore. Lo yoga è  ideale per controllare gli stati di tensione quando rientrano tra i fattori che di frequente scatenano il mal di testa.
Secondo le teorie yoga, gli attacchi di cefalea sono causati da uno squilibrio tra la forza negativa della luna e quella positiva del sole: la giusta respirazione e le varie posizioni possono determinare un buono stato di rilassamento e ripristinare il corretto equilibrio tra le due forze. Per aiutare il corpo e la mente a iniziare la giornata nel modo migliore è indicato il saluto al sole, da eseguire la mattina al risveglio.
Ricordate di mantenere rilassata la muscolatura di volto, spalle e collo.
• In piedi, con le braccia distese lungo il corpo e i piedi uniti, respirate in modo lento e profondo stirando la colonna vertebrale e la testa, senza forzare;
• sollevate le braccia fino a portarle sopra la testa, con le palme rivolte all’interno; stirate le dita e lasciate cadere dolcemente la testa all’indietro osservando le mani. Spingete le braccia all’indietro, marcando la schiena, e tornate alla posizione di partenza;
• con le gambe diritte e i piedi ben appoggiati a terra, flettete il busto in avanti, rilassate il collo e portate le mani il più possibile vicino ai piedi senza forzare la posizione;
• piegate le gambe e appoggiate le palme delle mani a terra, a fianco dei piedi; portate la gamba destra indietro e stendetela mentre con il viso guardate in avanti;
• stendete indietro anche la gamba sinistra, sollevate i glutei e lasciate andare in basso la testa con il collo rilassato; mantenete per qualche secondo questa posizione avvertendo Io stiramento dei muscoli di gambe e schiena, fino alle dita delle mani;
• piegate le braccia e raddrizzate il corpo: dovete ritrovarvi distesi con le gambe diritte e le palme delle mani che toccano il pavimento poggiando sotto le spalle;
• raddrizzate le braccia, sollevate il torace e marcate dolcemente la schiena; lasciate andare la testa all’indietro guardando verso l’alto;
• riportatevi con la gamba sinistra stesa all’indietro e i glutei sollevati, rilassatevi e mantenete per qualche secondo questa posizione: lentamente portate il piede destro vicino alla mano destra, stendete la gamba sinistra all’indietro e con il viso guardate in avanti;
• portate il piede sinistro vicino al destro, raddrizzate le gambe e flettete il busto in avanti; lasciate cadere la testa in modo rilassato;
• raddrizzatevi con movimenti lenti, portate le braccia diritte sopra la testa con le palme delle mani rivolte verso l’interno e le dita ben tese. Guardatevi le mani, marcate dolcemente la schiena all’indietro per qualche secondo, quindi ritornate alla posizione di partenza.

Tratto da “I manuali del benessere” del Corriere della Sera

Related posts

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per fornirti servizi e pubblicità in linea con le tue preferenze. Se chiudi questo banner o prosegui con la navigazione cliccando un elemento della pagina ne accetti l'utilizzo. Per maggiori informazioni su come modificare il consenso e le impostazioni dei browser supportati.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi