04 Dicembre 2022

Dimagrimento

Il dimagrimento, anzitutto, non va confuso con la magrezza: quest’ultima è uno stato naturale di molte persone. Il dimagrimento è invece una perdita di peso che è sempre dovuta a una causa ben precisa, e in questo caso l’organismo comincia a perdere acqua, poi il grasso e infine si consumano i tessuti, specie quelli dei muscoli.
Superati certi limiti, la perdita di peso provoca un decadimento generale della persona; fino a che subentra quello stato che i medici chiamano cachessia: anemia, debolezza, condizioni fisiche decisamente negative.
Il dimagrimento, quando non è determinato dalla volontà della persona che riduce il suo regime alimentare, è molto spesso sintomo di una malattia o di una disfunzione più o meno importante.
Ecco le più importanti cause di dimagrimento.
Le malattie infettive: tutte le infezioni acute e croniche, soprattutto quando la malattia si prolunga nel tempo, possono provocare il dimagrimento più o meno appariscente della persona. Il peso corporeo si ricostituisce abbastanza spontaneamente non appena viene raggiunta la guarigione.
Le intossicazioni: provocano una perdita evidente di peso tutte le intossicazioni croniche da alcool, da tabacco, da morfina, da cocaina, ecc. Con questo si spiega la ragione per cui il forte fumatore quando decide di smettere in genere aumenta di peso.
I disturbi dello stomaco: le gastriti e le altre affezioni dello stomaco provocano il dimagrimento proprio per le difficoltà di digestione di cui è vittima il paziente. Vanno incontro a una perdita di peso notevole tutti gli ammalati che sono stati sottoposti all’intervento di asportazione di una parte dello stomaco.
Le disfunzioni ghiandolari e del metabolismo: il diabete, il funzionamento in eccesso della tiroide, le insufficienze dell’ipofisi (una piccola ghiandola alla base dee cervello), l’insufficienza della ghiandola surrenale (malattia di Addison) sono spesso all’origine di una perdita di peso di cui, all’apparenza, non si riesce a spiegare la causa.
II cancro: soprattutto quando si localizza nello stomaco o in altre parti del tubo digerente può dare come sintomo il dimagrimento. C’è la convinzione diffusa che dopo i cinquant’anni il dimagrimento sia il segnale di un cancro che si sta sviluppando nell’organismo. Ciò è vero solo in parte: un certo numero di forme tumorali maligne si manifesta, infatti, senza alterare il peso dal paziente.
I disturbi nervosi: in questi casi, all’origine del dimagrimento, c’è la perdita dell’appetito e a volte anche le disfunzioni della tiroide e della ghiandola ipofisi che certi stati depressivi riescono ad innescare.
tratto dalla biblioteca pratica di Amica

Related posts