Altrasalute

Eritema

Che cos’è l’eritema *
L’eritema è un arrossamento, di tipo congestizio, della cute, circoscritto o diffuso, di carattere temporaneo.
Come si presenta
Varia in relazione alle cause che lo provocano. Si ha così:
1) un eritema solare, provocato da una eccessiva esposizione alla luce solare:
2) un eritema infettivo o tossico, causato dalla presenza di malattie infettive (difterite, influenza, meningite cerebro-spinale, malattie esantematiche infantili, angina, ileo-tifo) o da sostanze tossiche (mercurio, chinino, vaccino, siero ecc.);
3) un eritema nodoso, causato da reazioni allergiche, caratterizzato dalla presenza di noduli tondeggianti od ovali sulla superficie anteriore delle gambe, prevalentemente in ragazze. Una forma particolare è l’eritema polimorfo o essudativo, che inizia con chiazze di color rosso vivi o rosso vinoso, le quali poi si allargano raggiungendo poi un diametro di 2-3 centimetri su cui si sviluppano delle vescicolette.
Le chiazze poi confluiscono fra loro così da formare una sola a contorni frastagliati; in questo caso si parla di eritema figurato. La malattia ha una durata di 3-6 settimane e le manifestazioni eritematose si localizzano prevalentemente alla parte anteriore delle gambe, al dorso dei piedi e delle mani, al e ginocchia, al collo.
Come si cura
La cura varia a seconda delle cause che provocano l’ eritema. Così, nell’eritema solare si useranno pomate a base di vaselina o le comune pomate per le scottature e si copriranno le scottature con garza sterile. Gli eritemi infettivi saranno curati eliminando la malattia che li provoca, quelli tossici rimuovendo le sostanze tossiche; nell’eritema nodoso la cura sarà antiallergica o antireumatica, nel polimorfo si avranno terapie locali sulfamidiche e antibiotiche.
Complicazioni  
Sono legate alle cause che provocano l’eritema.

tratto dalle guide pratiche per la domenica della Domenica del Corriere

Exit mobile version