15 Novembre 2019

Ipertensione

Cos’è l’ ipertensione 
L’ ipertensione è l’aumento stabile, o soltanto temporaneo, della pressione arteriosa.
Come si presenta l’ ipertensione 
Nell’ ipertensione arteriosa essenziale, determinata cioè da cause sconosciute, l’inizio della malattia ipertensiva è contraddistinta da un periodo in cui si verificano aumenti repentini e marcati della pressione sanguigna, che però scompaiono rapidamente.
È questa la fase dell’ipertensione labile, cui fa seguito, dopo un intervallo di tempo variabile, l’ipertensione permanente in cui i valori pressori risultano costantemente aumentati.
In genere si può incominciare a parlare di ipertensione quando i valori della pressione massima (sistolica) sono superiori ai 150-160 millimetri di mercurio.
I primi sintomi sono di carattere generale: stanchezza generale, non ben definibile, che non riesce a passare con il sonno notturno; disinteresse verso attività prima ricercate; facile stancabilità intellettuali; progressiva incapacità a seguire i propri affari.
In famiglia gli ipertesi diventano rapidamente soggetti perennemente irritabili e inquieti.
Un segno molto tipico è la comparsa di una cefalea, di tipo gravativo, difficilmente – pulsante.
La cefalea è totale, frontale od occipitale; più raramente localizzata soltanto su metà della testa.
Raramente presenta i caratteri tipici dell’emicrania, con nausea e vomito.
Si possono anche avere sensazioni di freddo, di caldo al capo, vertigini.
I sintomi cardiaci sono prevalentemente costituiti da cardiopalmo (palpitazioni di cuore), senso di oppressione; si hanno difficoltà respiratorie (dispnea), e manifestazioni che possono essere confuse con quelle dell’angina pectoris (attacchi dolorosi che si diffondono al collo, spalle, braccia, mano associati o meno a senso d’angoscia).
Come si cura l’ ipertensione 
La terapia è di esclusiva pertinenza dello specialista. Hanno tuttavia molta importanza anche le misure igieniche di carattere generale: si dovrà limitare l’attività lavorativa e ridurre gli sforzi fisici. Le attività sportive potranno essere continuate, ma non dovranno mai assumere il carattere di sfide competitive.
L’alimentazione dovrà essere controllata e le bevande limitate a non più di un litro al giorno.
Caffè e tabacco dovrebbero essere eliminati totalmente.
Complicazioni in caso di ipertensione
Se non attentamente curata, l’ipertensione può provocare insufficienza cardiaca, emorragia celebrale, insufficienza renale, encefalopatia ipertensiva.
IPERTENSIONE MALIGNA ***
Cos’è l’ ipertensione maligna 
L’ ipertensione maligna è una particolare forma di ipertensione caratterizzata dalla presenza di una pressione minima molto elevata, di gravi disturbi visivi e di alterazioni renali.
Come si presenta l’ ipertensione maligna 
II paziente colpito da questa forma mostra: grave indebolimento, dimagramento marcato, palpitazioni cardiache, tachicardia, convulsioni e forme di paralisi.
Come si cura l’ ipertensione maligna 
Trattamento di competenza dello specialista.
La terapia è molto articolata perché deve tendere a migliorare l’attività di diversi organi.
Complicazioni in caso di ipertensione maligna 
Molto gravi, soprattutto per quanto riguarda il funzionamento dei reni e la capacità visiva.

tratto dalle guide pratiche per la domenica della Domenica del Corriere

Related posts

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per fornirti servizi e pubblicità in linea con le tue preferenze. Se chiudi questo banner o prosegui con la navigazione cliccando un elemento della pagina ne accetti l'utilizzo. Per maggiori informazioni su come modificare il consenso e le impostazioni dei browser supportati.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi