02 Ottobre 2022

La meditazione trascendentale

Maharishi Mahesh Yogi è il fondatore del movimento di Meditazione Trascendentale (MT). Nacque a Jahalpur nel 1918, studiò fisica nell’università d’Allahabad, dove ottenne il titolo di bachelor nel 1942.
Devoto al Maestro spirituale Samkara (788-820), nel 1946 durante un ritiro spirituale incontrò Swami Brahamananda Sarasvati (1868-1953) il quale, prima di morire, gli affidò il compito di elaborare un metodo semplice di meditazione allo scopo di “portare la pace fra i popoli del mondo” Maharishi Mahes Yogi si ritirò per due anni in Himalaya.
Nel 1957 fondò il Movimento di Rigenerazione Spirituale a Madras. Da quel momento cominciò a viaggiare in tutto il mondo per spiegare alla gente che lo scopo della vita su questa terra è la realizzazione della felicità e che il modo per raggiungerla è praticare la Meditazione Trascendentale.
Nel 1959 si recò a San Francisco, negli Stati Uniti. La Meditazione Trascendentale vuole offrire una tecnica e un metodo di meditazione, che si armonizzi con ogni credo religioso e propone la propria Verità eterna come base per tutti i sistemi religiosi. I suoi principi ispiratori della Meditazione Trascendentale sono due:
1 L’essere è uno solo, sta a fondamento di tutto il reale, è l’oceano immenso in cui è immersa ogni realtà superficiale.
2 Il pensiero è per essenza vicino all’Essere e ha bisogno soltanto di raccogliersi per potersi percepire come parte dell’intero.
La Meditazione Trascendentale è l’applicazione pratica dell’antica scienza vedica indiana. Si tratta forse del metodo per lo sviluppo del potenziale umano più ampiamente confermato e riconosciuto dalla scienza. Oltre cinquecento ricerche scientifiche sui benefici da essa indotti sono state realizzate in varie università e centri di ricerca di tutto il mondo. Oggi il movimento di Meditazione Trascendentale è presente in quasi tutte le nazioni.
Nel 1972 ha fondato negli Stati Uniti l’Università internazionale Maharishi (oggi Maharishi University of Management – M.U.M.): in essa gli allievi, nell’iter formativo che li conduce dalla scuola elementare fino alla laurea, integrano lo studio delle tradizionali materie con lo studio teorico e pratico della coscienza attraverso la Meditazione Trascendentale Nel 1975 ha introdotto il programma di Meditazione Trascendentale Sidhi e il Volo Yoga, tecniche complementari alla derivate dagli Yogasutra di Patanjali, capaci di creare un altissimo livello di coordinazione tra la mente e il corpo di un individuo e una forte coerenza nella coscienza della società. Maharishi ha riorganizzato l’antica letteratura vedica, che da secoli esisteva in testi completi ma non integrati né coordinati tra loro, in un insieme coerente: la Scienza e Tecnologia Vedica di Maharishi.
Questa scienza offre la descrizione completa della legge naturale e le tecnologie pratiche per riportare ogni aspetto della vita della società in sintonia con la legge naturale:
– Ayur Veda, la scienza medica tradizionale indiana;
– Gandharva Veda, la scienza vedica della musica;
– Sthapatya Veda, i dettami dell’architettura vedica, necessari per costruire in armonia con la legge naturale; – Jyotish, l’astrologia vedica. Maharishi è riuscito a riportare questi antichi saperi alla loro purezza e potenzialità originaria, in modo che l’uomo contemporaneo basandosi su di essi possa creare una società libera dalle malattie, dalla sofferenza e dai problemi. Maharishi è autore anche di due libri: La scienza dell’Essere e l’arte di vivere (Astrolabio, Roma, 1970) e Commento alla Bhagavad Gita.
Tratto dal libro “Meditazione” – Key Book

Related posts