20 Settembre 2020

Tipi di memoria

• Nella memoria a breve termine rientrano la memoria di lavoro e quella di classificazione. La prima è quella che ci permette il calcolo mentale, il ricordo di una serie di parole, di lettere o di cifre. Si basa sulla capacità di dimenticare velocemente. Per fare un esempio: ci ricordiamo un numero di telefono il tempo necessario per trovare un pezzo di carta su cui scriverlo. La memoria di classificazione ci permette di classificare una nuova parola per categorie, prima di memorizzarla. Come lo schedario di una biblioteca, questa classificazione ci permette di ritrovare la parola giusta al momento giusto. Se ascoltiamo un elenco di parole in un tempo molto breve, ne memorizziamo almeno sette. Tutte le altre vengono dimenticate. Le prime e le ultime sono quelle che vengono ricordate maggiormente. Le ultime sono probabilmente immagazzinate nella memoria a breve termine, perché se cerchiamo di ricordarle poco più tardi, non ci riusciamo. Le prime, invece, vengono inserite nella memoria a lungo termine, perché lo sforzo di memoria permette di ritrovarle.
• Nella memoria a lungo termine possiamo individuare due forme: quella autobiografica (episodica), che raccoglie le esperienze del nostro vissuto, e quella del sapere (semantica), che raccoglie il nostro patrimonio di conoscenza. La nostra storia personale è inscritta nella memoria autobiografica, che viene definita  “episodica” perché conserva date o luoghi come episodi unici della vita; in realtà, essa è in costante aggiornamento in quanto gli episodi si susseguono nel corso di tutto la vita e si cambiano le prospettive a seconda dell’età e dell’esperienza. Il nostro patrimonio culturale, invece, è collocato nella memoria del sapere o semantica. Questa è la memoria della conoscenza del mondo; grazie a essa ricordiamo il significato delle parole, i concetti, le conoscenze elaborate, i simboli ecc. Per poter aggiornare i repertori delle nostre Conoscenza passiamo spesso da una memoria all’altra.
La memoria può essere anche implicita o esplicita.
• La memoria implicita non è consapevole e non viene fatto alcuno sforzo per recuperare i dati che qui sono stati raccolti. Si compone di ricordi che si sono consolidati nella memoria automatica e in quella emotiva.
La memoria automatica è detta anche memoria procedurale, perché permette di ricordarsi delle “procedure” come guidare l’auto, cucinare, sciare ecc. Essa rende facile la gestione della vita quotidiana. Se non l’avessimo, dovremmo fare scuola guida tutte le mattine! Oppure, dopo una vacanza, non troveremmo più la strada dell’ufficio… Una volta registrata un’attività, è per la vita: se imparo a suonare il piano saprò farlo, anche non bene, per il resto della mia esistenza. La memoria emotiva è costruita come un’autostrada: c’è una corsia per i veicoli lenti e una per quelli veloci.
La prima permette di percepire la situazione come quadro generale, la seconda rileva i particolari. Se, per esempio, vediamo una macchia nera, la memoria emotiva ci fa fare un salto perché ci rimanda all’immagine di una tarantola, poi, attraverso un ulteriore esame, ci permette di constatare che è solo un piccolo e innocuo animale.
• La memoria esplicita si attiva mediante un atto consapevole e volontario.
Per esempio, per memorizzare una lezione uno studente la legge e la rilegge fino a quando l’ha imparata, quindi attiva la memoria esplicita. I ricordi di questo tipo di memoria si possono inserire sia nella memoria automatica sia in quella semantica.
Tratto dal libro “Come potenziare la Memoria” – Riza

Related posts

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per fornirti servizi e pubblicità in linea con le tue preferenze. Se chiudi questo banner o prosegui con la navigazione cliccando un elemento della pagina ne accetti l'utilizzo. Per maggiori informazioni su come modificare il consenso e le impostazioni dei browser supportati.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi