23 Settembre 2020

Dismenorrea, le forme da vuoto

Dismenorrea, le forme da vuoto
La dismenorrea cosiddetta da vuoto è legata a deficit di quelli che in MTC sono i fattori essenziali per una buona salute: sangue e qi. 
 
Nei quadri da vuoto il ciclo è in genere anticipato e scarso o posticipato e abbondante.
Il vuoto di qi porta in genere anche a vuoto di sangue, per lo stretto legame che unisce le due sostanze. Le cause alla base possono essere diverse: l’eccessivo lavoro, le preoccupazioni, i deficit alimentari, producono disequilibrio della coppia Milza/Stomaco, con scarsa produzione di qi e sangue. Oltre al pallore, all’astenia, alle palpitazioni, all’insonnia, avremo scarso appetito e tendenza alla depressione.
Il dolore mestruale sarà di tipo sordo, con indolenzimento lombare, insorgerà alla fine o dopo il flusso, migliorerà con la pressione e con il riposo.
Consigliata una dieta variata e abbondante, possibilmente a base di cibi cotti, carne, pesce, frutta,
verdura,  cereali.
Bisognerà evitare i cibi speziati e piccanti che possono seccare i fluidi e lo yin, che in MTC coincide con tutto ciò che è materia, noi potremmo tradurlo qui con un concetto caro ai dietologi: massa magra.
La radice di Angelica sinensis è un ottimo rimedio che tonifica il sangue (si chiama anche Dong Kwai) mentre utili sono anche rimedi a base di vitamine e minerali, soprattutto nei casi in cui il ciclo sia irregolare.
L’Agopuntura si è rivelata molto utile nel tonificare le forme da vuoto, con stimolazione dei punti soprattutto del meridiano della Vescica e della Milza.
Il complesso vitaminico B (formato dalle vitamine B1, B2, B3, B6, B9, B12), aiuta l’organismo a mantenere il proprio equilibrio ormonale, lo ritroviamo in natura nei cereali integrali, nel lievito di birra, nel latte, nella frutta secca (in particolare noci e mandorle), nelle foglie di cavolo, nelle verdure a foglia larga e nella carne bovina.
Un’utile integrazione è rappresentata anche dal succo fresco di carote o centrifugati di verdure a foglia, da bere al mattino, una settimana prima e durante la mestruazione.
Può essere estremamente utile mantenere ciclicamente durante l’anno dei periodi di cura preventiva integrando l’alimentazione, anche con vitamina E (400 U.I./die), fonti naturali di vitamina E sono: oli vegetali, verdure e cereali integrali.

Sezione a cura di Daria Fago (Naturopata)

Le terapie naturali vanno sempre personalizzate, le cure vanno date da un terapeuta esperto, questi sono solo consigli generali 

Related posts

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per fornirti servizi e pubblicità in linea con le tue preferenze. Se chiudi questo banner o prosegui con la navigazione cliccando un elemento della pagina ne accetti l'utilizzo. Per maggiori informazioni su come modificare il consenso e le impostazioni dei browser supportati.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi