15 Gennaio 2021

Radiestesia e religione

La radiestesia non è in contrasto con la religione. I Padri del Concilio Vaticano II hanno dichiarato quanto segue: La ricerca metodica in ogni disciplina, se procede in maniera scientifica e secondo le norme morali, non sarà mai in reale contrasto con la fede, perché le realtà profane e le realtà  

della fede hanno origine dal medesimo Dio. Anzi chi si sforza con umiltà e perseveranza di scandagliare i segreti della realtà, anche senza avvertirlo viene come condotto dalla mano di Dio, il quale mantenendo in esistenza tutte le cose, fa che siano quelle che sono.  
La Chiesa non condanna né proibisce la pratica della radiestesia e tra i suoi migliori cultori si annoverano numerosi sacerdoti.
Leo Schmid ( parroco svizzero): Non c’è verità che non conduca a Cristo, il quale ha affermato di sé stesso: Io sono la verità. Perciò ogni progresso verso la verità è un passo avanti verso lo stesso Cristo. Quindi la Chiesa non ha nulla da temere da una seria indagine scientifica.
Il papa Pio XI fece pervenire all’associazione parigina Amici della Radiestesia l’apostolica benedizione nel 1935 e Pio XII nel ricevere in omaggio Il Libro di Radiestesia di Don Grandori, lo informò che era al corrente di questa nuova scienza. Tra i più importanti operatori radiestesici che si sono avvicendati nel tempo, moltissimi sono i sacerdoti:
l’abate Alexis Bouli, al quale si deve l’adozione del vocabolo radiestesia
l’abate Alexis Mermet che introdusse l’uso del pendolo
l’abate Johan Anton Kunzie, nome leggendario.
Tra gli italiani:
don Grandori
don Stiattesi
don Castelli
padre Bortone

Tratto da Radiestesia come Manifestazione di JOLANDA PIETROBELLI

Related posts

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per fornirti servizi e pubblicità in linea con le tue preferenze. Se chiudi questo banner o prosegui con la navigazione cliccando un elemento della pagina ne accetti l'utilizzo. Per maggiori informazioni su come modificare il consenso e le impostazioni dei browser supportati.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi