20 Agosto 2019

La Guarigione

Quando parlo di guarigione ho sempre in mente le parole di Edward Bach, medico olistico,  il quale sosteneva:
“la guarigione è il terzo personaggio nella rappresentazione medico-guaritore e paziente: essa interagisce con entrambi, ma rimane nel contempo assolutamente indipendente”. 
La guarigione avviene sempre per il “bene assoluto della persona” e solo nel momento in cui la persona che soffre scopre e rimuove le cause inconsce che hanno condotto alla malattia; se la persona non prende coscienza delle cause primitive allora potrà avvenire la guarigione su di un piano ma, ammalarsi su un altro — Freud chiama tutto ciò spostamento-; visto sotto questa luce il Reiki non ha in se’ la finalità di guarire ma solo quella di illuminare attraverso l’amore che la persona nutre per se stessa, quei fattori che hanno portato alla manifestazione della malattia a livello fisico.
Nel momento in cui si prende coscienza delle cause si inizia a privare di forza e di virulenza il fattore principale della malattia in quanto si elimina e si rimuove la parte “primitiva” da cui  origina il disagio, inoltre, esso può manifestarsi a diversi livelli i quanto, l’essere mano non è composto solo dal corpo fisico ma anche da quello mentale, ed  aurico.
Il nostro corpo è formato da un insieme di corpi elettromagnetici i quali, mano mano vanno addensandosi fino ad arrivare al livello più basso costituito dal corpo fisico; la parte più sottile, invisibile all’occhio umano è detta AURA o Corpo di Luce e questa è la parte che si ammala per prima; quando avvertiamo un disagio/malessere nel corpo fisico, esso si è già manifestato sul piano sottile anzi, esso invia messaggi alla nostra psiche inconscia o conscia già da diverso tempo circa il progredire del nostro malessere.
La medicina tradizionale ha già riconosciuto da tempo questa realtà tanto che, alcune malattie tipo la psoriasi, l’asma, l’acne, la gastrite etc. vengono riconosciute come psicosomatiche ovvero come malattie della psiche che si manifestano nel corpo; l’importanza che la psiche ha sul corpo è stata riconosciuta anche da illustri psicoanalisti , primo tra tutti Freud, i quali sostengono che avvenimenti accaduti in età infantile sono in grado di determinare malattie importanti anche da adulti; l’infanzia costruisce il modo con cui l’individuo entra in contatto con il suo corpo e, le emozioni sono il veicolo attraverso il quale l’essere umano riconosce e sa distinguere ciò che è bene e ciò che è male per se stessi. Quando l’espressione delle emozioni viene negata e quando le emozioni non si riescono ad esprimere nel modo più soddisfacente possibile, a pagarne le conseguenze è il corpo fisico e questo perché l’individuo non riesce a riconoscere i messaggi che i corpi sottili —la psiche in questo caso- sta inviando.
L’essere umano è un tutto esso è un’unità psicosomatica e questa unità secondo Winnicott viene a costituirsi nell’infanzia, attraverso le cure materne —Holding ed Handling- inoltre tutti i processi di pensiero futuro —la capacità di ascoltare noi stessi- dipendono da come lei ha rispecchiato le paure e le ansie neonatali e da come ha saputo restituire al bambino materiale emotivamente troppo “carico” per poter essere integrato nella sua personalità — rêverie materna di Bion-
È proprio dall’immagazzinamento da parte della psiche di immagini e di sensazioni di non amore e non accettazione che deriva la capacità di essa — la mente- di influenzare e modificare lo stato dei corpi sottili dai quali, deriverà per un successivo accumulo e scivolamento verso il corpo fisico, il disturbo.
Il Reiki agisce a partire dal disturbo fisico pertanto parte dalla parte più lontana poi, mano mano che si prosegue nel trattamento, la sua luce e il suo amore entreranno in risonanza con le emozioni e con le sensazioni da lungo tempo sopite.

A cura della Dott.ssa Marina Visvi

Related posts

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per fornirti servizi e pubblicità in linea con le tue preferenze. Se chiudi questo banner o prosegui con la navigazione cliccando un elemento della pagina ne accetti l'utilizzo. Per maggiori informazioni su come modificare il consenso e le impostazioni dei browser supportati.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi