09 Dicembre 2022

I legamenti e i muscoli

legamenti
Le vertebre non potrebbero stare unite se non ci fossero i legamenti, strutture fibrose che, fortemente attaccate all’osso, vanno da una vertebra all’altra o a un gruppo di altre sopra e sottostanti, rendendole in pratica un “tutt’uno” solido e robusto, ma anche abbastanza flessibile da permettere i vari movimenti.
Il nome dei legamenti deriva in genere dalle parti ossee e dagli organi con cui hanno rapporto o che collegano, per esempio: «legamento femorale, legamento gastroepatico. I legamenti crociati sono fasci fibrosi dell’articolazione del ginocchio tra loro incrociati; i legamenti gialli sono robusti fasci fibrosi, dal particolare colore giallastro, che uniscono due lamine vertebrali adiacenti, mantenendo in rapporto due vertebre contigue.
Al di sopra di tutte queste strutture si inseriscono diversi muscoli della schiena, che trovano qui il punto d’appoggio per far muovere tutto il tronco (e quindi la stessa colonna vertebrale) ma anche, in parte, il bacino, le braccia, le gambe, il collo e la testa.
Il termine muscolo identifica un organo composto in prevalenza da tessuto muscolare, ovvero un tessuto biologico con capacità contrattile. L’insieme dei muscoli costituisce l’apparato muscolare,
Infine ognuna delle strutture citate contiene fibre nervose dolorifiche, che sono poi la sorgente vera e propria del dolore.

Tratto dal libro “Mal di schiena” – RIZA

Related posts