27 Maggio 2019

Che cos’è lo stomaco

Impariamo a conoscere Io stomaco, quest’organo dalla forma di una J dilatata, parte di un apparato digerente altamente specializzato, perfettamente adatto alle nostre modalità di vita e alimentazione
Lo stomaco è un tratto del canale alimentare che si trova tra l’esofago, il lungo tubo nel quale scende il cibo dopo che io abbiamo deglutito, e il duodeno, cioè la prima parte dell’intestino.
Lo stomaco è posto centralmente nella parte alta dell’addome, lievemente spostato verso sinistra, dove lo possiamo in parte sentire tastando lievemente la cute sotto lo sterno (la “bocca dello stomaco”) fino a qualche centimetro sopra l’ombelico.
C’è però una certa variabilità fra un individuo e l’altro: a volte la localizzazione può anche essere molto bassa, sotto l’ombelico, cosa che può dare problemi digestivi.
Com’è fatto lo stomaco
Lo stomaco è la parte più espansa del tubo digerente e la sua forma è più o meno quella di un sacco ricurvo verso destra.
Possiamo distinguere, a partire dall’alto, cinque parti dello stomaco:
• il cardias, la zona appena al di sotto del passaggio tra la parte inferiore dell’esofago e lo stomaco;
• il fondo, la parte che si trova più in alto, chiusa a mo’ di sacco rovesciato;
• il corpo, la parte più ampia con le due curvature, la piccola e la grande;
• l’antro, la regione più bassa;
• il canale pilorico, che mette in comunicazione con il duodeno. Il duodeno – che fa già parte dell’intestino – ha la forma di un tubo a forma di grossa lettera C.
Lo stomaco è dunque un organo cavo, la cui parete è costituita da diversi strati: uno più esterno, fatto di fibre muscolari, uno intermedio, fatto di tessuto connettivo elastico, cellule muscolari e vasi sanguigni, e uno interno, la mucosa gastrica, composta da cellule di vario tipo.
Questo è lo strato che viene in contatto con tutto quello che ingeriamo, ed è perciò molto delicato e vulnerabile.
Nell’uomo lo stomaco ha un volume pari a circa mezzo litro, se vuoto, e ha la capienza media, se completamente pieno, di un litro, un litro e mezzo.
Dopo un pasto normale, generalmente si espande per contenere circa un litro di cibo, ma può anche arrivare a dilatarsi per contenerne fino a quattro litri e oltre, comprimendo però gli altri organi della cavità addominale e, spesso, anche del torace.
a cosa serve lo stomaco
L’apparato digerente ha la funzione di introdurre, trasformare, rielaborare e assimilare il cibo, nonché di eliminare tutto ciò che deve essere trattenuto.
Nella bocca, gli alimenti subiscono un primo processo digestivo che si compie nella sua totalità quando questi giungono nello stomaco, che ha quindi il compito fondamentale di accogliere il cibo e trasformarlo in qualcosa che l’intestino possa assorbire.

Tratto dal libro “I rimedi naturali per lo stomaco” – Riza

Related posts

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per fornirti servizi e pubblicità in linea con le tue preferenze. Se chiudi questo banner o prosegui con la navigazione cliccando un elemento della pagina ne accetti l'utilizzo. Per maggiori informazioni su come modificare il consenso e le impostazioni dei browser supportati.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi