17 Ottobre 2019

Agopuntura

Non esistono miracoli in medicina. Ogni guarigione ha cause biologiche ed anche l’agopuntura non fa eccezione. I medici cinesi non Sono né ciarlatani né taumaturghi, tuttavia i loro successi nel campo della medicina spesso rasentano i confini del miracoloso. Sotto gli sguardi critici degli Europei e degli Americani, i medici cinesi hanno dato prova delle loro capacità, di cui non abbiamo nessun altro esempio nella storia della medicina.
In tutte le grandi città della Cina, negli ospedali si operano pazienti in pieno stato cosciente. I medici estirpano tumori, cistifellee, corpi estranei ed interi lobi polmonari. L’assenza di dolore è procurata da minuscoli aghi che vengono conficcati nell’orecchio oppure nelle articolazioni della mano.
Gli europei che riescono ad immaginarsi un intervento chirurgico soltanto mediante anestesia totale rimangono perplessi. Per il popolo cinese e per i suoi medici questo metodo pero non ha niente di misterioso: l’agopuntura è per loro cosa familiare:
essa rientra in una medicina popolare vecchia migliaia di anni, che da venticinque anni viene portata a nuovi successi.

La vecchia cultura dell’impero di Mezzo non fu mai del tutto sepolta. Sotto l’influsso di potenze straniere e di controversie interne, vi furono però lunghi periodi di stasi e di decadenza. Con la vittoria della rivoluzione cinese sotto Mao Tse-tung vi fu una svolta, che in medicina significò un “Rinascimento” ed il “grande balzo in avanti“. Furono riscoperti provati metodi di cura.
« La medicina popolare è un gran tesoro » — proclamo Mao Tse-tung, e in tutte le parti dell’immenso paese ci si mise al lavoro per esaltare questo tesoro. Ciò che oggi si è raggiunto ha trovato considerazione anche al di fuori dei confini della Cina, e questo veramente a buon diritto.
In Cina è senza dubbio riuscita una sintesi fra la tradizionale medicina popolare e la moderna terapia medica, che può servire da modello ad altri paesi. Anche gli osservatori più critici sono perciò d’accordo che il ripristino di efficaci metodi della medicina popolare sia nell’interesse del popolo stesso. L’agopuntura non si limita a facilitare le operazioni evitando di ricorrere all’anestesia: essa è un autentico mezzo curativo per numerose malattie dei tipi più disparati e lenisce sofferenze e dolori in modo veramente sorprendente. L’agopuntura aiuta i tradizionali metodi curativi della medicina classica ed integra i mezzi terapeutici della medicina di tutto il mondo. Il successo di questo metodo di cura cinese non ci deve perciò sorprendere : le tecniche mediche efficaci non conoscono nazionalità né confini.

La storia dell’agopuntura insegna che il suo successo non è da attribuirsi ad un banale capriccio della moda. Infatti molto prima che fossero scoperti, durante l’Impero di mezzo, la polvere da sparo, la carta, la vaccinazione contro il vaiolo, la porcellana, la seta e la bussola, i cinesi combattevano le loro malattie con l’agopuntura. Il metodo è vecchio 5000 anni e risale letteralmente dall’età della pietra. Nessun altro metodo di cura può vantare una storia così lunga ed al tempo stesso così ricca di successi. L‘agopuntura è durata al di là del tempo, delle guerre e dei periodi di pace, essa era, ed è, viva parte della scienza terapeutica. Mai, nella sua lunga storia, è degenerata a metodo di una setta medica. Nella madrepatria cinese l’agopuntura veniva e viene usata da tutti e per tutti.

Gli inizi dell’agopuntura si perdono nella notte dei tempi. Come scopritore viene indicato il leggendario Huang – Ti , “l’imperatore giallo “. La leggenda riferisce che Huang -Ti visse dal 2698 al 2598 avanti la nostra Era. Si dice che il Monarca, arrivato a ben 100 anni durante la sua lunga vita abbia scoperto -oltre l’agopuntura – il carro ed il danaro, che abbia inquadrato la musica entro un sistema e per primo abbia osservato gli astri scientificamente.
Non esistono prove di queste asserzioni, tuttavia i 5000 anni di storia della agopuntura sono documentati.
In numerosi luoghi della Cina gli archeologi hanno trovato attrezzi per l’agopuntura. I più antichi sono di pietra ed appartengono ai periodi più remoti, quando regnò Huang -Ti.
I più antichi libri di insegnamento dell’agopuntura hanno 2000 anni. Essi descrivono il metodo in modo così chiaro, che ancor oggi potrebbero servire da base all’applicazione terapeutica. Nel corso della storia di migliaia di anni non è cambiato niente per ciò che concerne i principi essenziali dell’agopuntura: si è trasformata invece la base teorica ed il contenuto filosofico che i vecchi cinesi davano allo schema curativo. Molto di ciò che una volta era incontestato come base e spiegazione dell’effetto, è oggi dimenticato o riconosciuto come erroneo. Tuttavia questo non ha tolto nulla ai successi sorprendenti dell’agopuntura; al contrario: la riconduzione del metodo all’essenziale, come è stato fatto negli ultimi due decenni, ha portato ad un’importante chiarificazione.
L’agopuntura aiuta e guarisce a prescindere da oscure motivazioni filosofiche e teologiche. Furono i Cinesi stessi a mettere agli atti questi vecchi ed antichissimi effetti dell’agopuntura. Non esiste nessuna « energia onnipresente », nessun «YIN » o «YANG ». Entrambe queste forze, confrontate le une alle altre secondo il parere della medicina scientifica, avevano provocato malattie e dolori. «YIN» valeva come principio del freddo, del passivo, del femmineo e dell’oscuro. La forza energetica «YANG» rispondeva invece a calore, attività, mascolinità e luce. In moltissime città della Cina, come Pechino e Shanghai, esistono da più di due decenni istituti di ricerca che si occupano esclusivamente di medicina popolare e di agopuntura. Essi hanno intrapreso in più tappe un esame aggiornato ed una scelta dei fatti già noti. Ciò non è stato sempre facile.
Come primo compito si presentava la necessità di ricapitolare tutte le cognizioni. Ne emergeva che esperienze già acquisite erano in generale valide; altre per converso, erano considerate come avvolte ancora nel mistero.
La somma di tutte queste cognizioni è oggi a disposizione di tutti, in quanto la medicina cinese non fa più nessun mistero dell’agopuntura.

Il secondo compito era quello di chiarirne l’efficacia : ciò è riuscito soltanto a metà e su questo sono concordi gli scienziati cinesi. Moderni procedimenti scientifici svolti in istituti di Ricerca dimostrano che la magica teoria delle forze energetiche YIN e YANG è errata.
La suddivisione dell’organismo umano in organi passivi YIN ed organi attivi YAN non è più ritenuta valida dai medici cinesi. Essi spiegano tale teoria come frutto di mistiche meditazioni al centro delle quali si trova il numero cinque.

Vi erano cinque organi YIN : polmoni, milza cuore, reni, fegato; e cinque organi YANG : intestino crasso, intestino tenue, stomaco, vescica urinaria, bile.

In natura i cinesi distinguevano cinque clementi: terra, fuoco, legno, metallo, acqua ; cinque stagioni : primavera, estate, estate inoltrata, autunno ed inverno;

cinque punti cardinali : nord, sud, est, ovest, centro;

cinque pianeti: Marte, Venere, Mercurio, Giove e Saturno:

cinque influssi atmosferici : vento, siccità, caldo afoso, umidità e freddo;

e complessivamente cinque colori: giallo, rosso, blu, bianco e nero.
Il valore speculativo di queste teorie appare subito evidente. I fatti scientifici forniti dalla natura come il numero dei pianeti, dei colori e dei punti cardinali, erano fuori causa se non rientravano nello schema. Lo stesso valga per l’antica interpretazione cinese del « microcosmo » ed anche del corpo umano che dovrebbe rappresentare l’immagine speculare dell’Universo.
Qui si distinguevano cinque organi sensoriali : (occhio, bocca, lingua, naso, orecchio); cinque elementi strutturali : (tendini, vasi sanguigni, muscoli, ossa e peli) ; cinque sentimenti : (collera, gioia, tristezza, preoccupazione, paura), e per finire cinque stadi dello sviluppo umano (nascita, crescita, pubertà, maturità e ristagno).
La medicina cinese abbandona questa sovrastruttura più filosofica -speculativa che naturalistica.
Tutto ciò non arrestò i successi terapeutici, ché le mistiche rappresentazioni del corpo e dell’Universo impediscono lo sviluppo di una medicina accessibile a tutti, più di quanto si pensi : i nuovi sviluppi sono resi possibili soltanto se si fanno saltare vecchie idee retrograde.
L’esempio migliore lo sviluppo dell’agopuntura come anestetico nel corso di gravi operazioni. L’assenza di dolore negli interventi chirurgici sulla cavità addominale, ai polmoni ed  addirittura sul cuore, esiste soltanto da dieci anni, quando sono state ormai riconosciute le erronee interpretazione dell’agopuntura. La soppressione delle false e stupide immaginazioni ha quindi contribuito in modo essenziale ad un ulteriore sviluppo dell’agopuntura. D’altro canto vi è rimasta una lacuna di cui in Cina si parla francamente:fino ad oggi non è chiaro quale meccanismo sia alla base degli effetti dell’agopuntura.

Ai medici cinesi non è riuscito fino ad ora, nonostante tutte le ricerche fatte, di scoprire quali basi biologiche abbia questo metodo così efficace. Per quanto riguarda il meccanismo di tale prodigioso effetto, tutti i medici cinesi rispondono all’unanimità: “ Non lo sappiamo. Sappiamo soltanto che l’agopuntura funziona”.

Related posts

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per fornirti servizi e pubblicità in linea con le tue preferenze. Se chiudi questo banner o prosegui con la navigazione cliccando un elemento della pagina ne accetti l'utilizzo. Per maggiori informazioni su come modificare il consenso e le impostazioni dei browser supportati.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi