15 Novembre 2019

Via della vita quotidiana

Lo Zen e la Via della vita quotidiana

Chi pratica lo Zen non è solo una persona che professa un particolare credo religioso, ma è anche un individuo che ha deciso di attenersi a uno stile di vita sobrio e naturale. In Giappone questo modo di vivere può essere indicato col termine Wabi-Sabi.
In verità, definire con precisione cosa significa Wabi-Sabi non è affatto un’impresa semplice perché esso rappresenta la traduzione dei precetti della dottrina Zen nella vita pratica di tutti i giorni e in campo estetico.
Con wabi-Sabi non si intende solo tutto ciò che serve al praticante Zen per avvicinarsi nei suoi comportamenti allo stadio della perfezione, significa andare oltre gli aspetti rigidi e condizionanti della vita.
Raggiungere una visione della propria esistenza che trascenda le barriere della mente razionale per camminare lungo la Via dell’illuminazione.
Un maestro Zen giapponese definì il wabi-sabi come “il limite dell’essenzialità”, uno stato cioè di perfetto equilibrio che rende possibile restare immersi nel flusso dell’esistenza senza mediazioni o inutili distrazioni: con wabi si vuole indicare infatti uno stile sobrio, povero, puro, austero e unico.
Sabi invece è un ideale estetico che richiama concettualmente la solitudine, la quiete e il fascino conferito agli oggetti dalla patina del tempo.
La ricerca dell’essenzialità insita in Wahi-Sabi rappresenta un vero toccasana anche per lo stile di vita occidentale, oramai avvelenato dagli eccessi del superfluo, e può aiutarci ad assaporare l’essenza e la semplicità della vita reale, troppo spesso oscurata dal chiassoso affollarsi nelle nostre menti di pensieri e preoccupazioni e, nelle nostre case, di una miriade di oggetti superflui.
Wabi-sabi rimanda anche alla transitorietà, all’impermanenza delle cose e della nostra stessa esistenza. Il mondo oggi è dominato da sconvolgimenti di ogni tipo scatenati dal desiderio di possesso e volti al raggiungimento di un più elevato grado di benessere e di gratificazione dell’ego.
Wabi-Sabi, al contrario, si propone come uno stile di vita, un cammino spirituale, un modello filosofico, un ideale estetico, ma soprattutto un’esperienza interiore che cambia il nostro modo di vedere gli oggetti, di vivere gli istanti, di abitare la natura, che esalta la nostra capacità di trovare l’armonia anche nelle cose apparentemente più dismesse, negli oggetti e nei gesti più semplici.
In questo modo però si rafforza soltanto l’ego e non lo spirito che, invece, si afferma attraverso la pratica Zen e, quindi applicando il canone estetico del Wabi-sabi.

Tratto dal libro “Zen” – Key Book

Related posts

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per fornirti servizi e pubblicità in linea con le tue preferenze. Se chiudi questo banner o prosegui con la navigazione cliccando un elemento della pagina ne accetti l'utilizzo. Per maggiori informazioni su come modificare il consenso e le impostazioni dei browser supportati.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi