28 Febbraio 2020

Respirazione ed emozioni

Partendo da considerazioni strettamente tecniche, anatomiche e  fisiologiche, ci ritroviamo ora a prendere in considerazione fattori psico-emozionali che intervengono nel manifestarsi di respirazione ed emozioni.

 Tutte le emozioni (paura, delusione, gioia, ansia, rabbia…) hanno ripercussioni dirette sull’organismo inteso sia in senso biologico che psichico. Molti disturbi della respirazione sono riconducibili infatti a schemi inconsci di repressione emotiva: si pensi, ad esempio, all’alta incidenza del frenospasmo (contrazione e alterazione del diaframma) nei soggetti ansiosi.
Le influenze emozionali e nervose che incidono sul controllo del respiro sono rese possibili dalle connessioni che collegano la sostanza reticolate encefalica con tutte le aree cerebrali, corticali e sottocorticali, e con i centri delle funzioni vegetative, centro del respiro incluso.
Facile esempio sono le modifiche nel respiro connesse all’alternanza delle fasi di sonno e veglia, bioritmo regolato specificamente dalla sostanza reticolare.

tratto da  “Rebirthing”  a cura di  Silvia Canevaro  Ediz. The Art Book

Related posts

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per fornirti servizi e pubblicità in linea con le tue preferenze. Se chiudi questo banner o prosegui con la navigazione cliccando un elemento della pagina ne accetti l'utilizzo. Per maggiori informazioni su come modificare il consenso e le impostazioni dei browser supportati.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi