17 Ottobre 2019

Psicosomatica e mal di stomaco

mal di stomaco
mal di stomaco

Ritmi e pressioni della vita moderna logorano la macchina-corpo. Secondo numerosi e recenti studi, quest’organo sembrerebbe geneticamente più “predisposto” di altri a un tale genere di usura, Tuttavia, c’è da chiedersi perché, a parità di predisposizione allo stress, una persona si infetta con l’H.pylorie sviluppa un’ulcera e l’altra no. Alla base vi è forse una causa genetica?

Quale predisposizione?  
In realtà quando gli scienziati parlano di predisposizione al mal di stomaco si basano su scoperte ancora incomplete e su statistiche che lasciano solo ipotizzare un qualche fenomeno ereditario. “Scoperto il gene dell’ulcera!” è una notizia gotta e illusoria, perché il modo di esprimersi di ogni singolo gene è legato a molti altri geni e al vissuto della persona. Inoltre, il fatto che nella famiglia di un ulceroso ci siano altri consanguinei con gastrite o ulcera non significa nulla, tanto che nelle famiglie “allargate” in cui c’è un ulceroso, i disturbi gastrici sono più frequenti anche nei non- consanguinei (per esempio la cognata o il suocero).
Non è allora un’atmosfera “gastrica”, come abbiamo già detto precedentemente, che viene tramandata e “mangiata” ogni giorno sulla tavola di casa?
Quale stress?  
D’altra parte lo stesso concetto di “stress” inteso dalla scienza è arbitrario, Nei primi anni Cinquanta al New York Hospital  i medici videro che in pazienti con fistola gastrica la rabbia e la collera riacutizzavano i sintomi, e ipotizzarono che l’ulcera fosse legata al permanere nel tempo di situazioni “arrabbiate”. Nello stesso periodo lo psicoanalista Margolin notò che in una sua paziente con la stessa patologia la rabbia e la collera provocavano addirittura un miglioramento dei sintomi. Quindi ciò che “stressa” una persona può avere un effetto liberatorio per un’altra…

Tratto dal libro “I rimedi naturali per lo stomaco” – Riza

Related posts

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per fornirti servizi e pubblicità in linea con le tue preferenze. Se chiudi questo banner o prosegui con la navigazione cliccando un elemento della pagina ne accetti l'utilizzo. Per maggiori informazioni su come modificare il consenso e le impostazioni dei browser supportati.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi