22 Agosto 2019

Rabarbaro

Rabarbaro
(Rheum palmatum)
Originario delle montagne della Cina e del Tibet da dove se ne importano tuttora i rizomi, (il nostro è scarso di proprietà medicinali), il rabarbaro predilige i luoghi montagnosi, ricchi di silice e i pascoli umidi.
Pianta perenne, fiorisce da maggio ad agosto, ha fiori bianco-giallicci. Le radici, sono la parte della pianta utilizzata a scopo medicinale. Esse sono raccolte in autunno allorché la pianta ha raggiunto i 3-4 anni di età.
Una volta estratte, vengono scorticate e fatte essiccare all’ombra. La droga viene impiegata contro l’inappetenza, nella cura dell’itterizia, come disintossicante e depurativo.
Allo scopo si prepara un decotto di 10 gr di corteccia di cascara polverizzata, 15 gr di radice di genziana secca polverizzata, 15 gr di bicarbonato di sodio, facendo bollire il tutto in mezzo litro d’acqua per 15 minuti. Il decotto bollente si versa sopra 15 gr di radici di rabarbaro cinese tagliuzzate, si lascia macerare per 2 giorni, si filtra per tela e da ultimi si aggiungono 25 gr di alcool 95°.
Uso: nell’inappetenza un bicchierino mezz’ora prima dei pasti, nelle digestioni difficili, un bicchierino un’ora dopo i pasti, nell’itterizia mezzo bicchierino prima dei pasti, 3 volte al giorno, come disintossicante e depurativo, mezzo bicchierino al mattino per 15 giorni.

Related posts

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per fornirti servizi e pubblicità in linea con le tue preferenze. Se chiudi questo banner o prosegui con la navigazione cliccando un elemento della pagina ne accetti l'utilizzo. Per maggiori informazioni su come modificare il consenso e le impostazioni dei browser supportati.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi