16 Giugno 2019

Introduzione ai Chakra

Il concetto di chakra ha la sua origine nella tradizione filosofico-religiosa indiana, ma a partire dal l’India si è diffuso in tutto l’Oriente, influenzando la medicina tradizionale cinese che è la medicina orientale più nota in Occidente.

Secondo questo modo di vedere le cose, i rapporti che l’uomo ha con  tutto ciò che lo circonda sono più complessi di quelli che ci sono stati tramandati dalla nostra tradizione dove si è sviluppato un tipo di medicina dai fondamenti materialistici, e una tendenza a curare le malattie a partire dai sintomi, senza cercare di risalire alle cause della malattia.

Per la mentalità orientale, invece, l’essere umano è costituito da una serie di elementi, chiamati corpi. Di questi, il corpo fisico corrisponde a quello visibile, cioè al centro dove si svolgono le funzioni vitali conosciute e descritte dalla scienza; gli altri, che sono anche detti corpo sottile o aura, circondano il corpo fisico in vari strati e vengono chiamati corpo eterico, corpo astrale, corpo mentale inferiore e superiore, corpo causale e corpo spirituale. Il corpo eterico viene considerato come lo schema del corpo fisico.

Quello astrale è collegato con le emozioni. Il corpo mentale inferiore è quello dove i pensieri si formano e sono in costante mutazione, mentre quello superiore rappresenta l’intuito, la forma di comprensione che non è il risultato del ragionamento. Il corpo causale contiene la memoria di tutte le vite precedenti, e infine quello spirituale corrisponde a ciò che noi chiamiamo anima.

Come si vede, la mentalità orientale tende a catalogare in modo diverso dal nostro degli elementi che, in Occidente, sono conosciuti ma ritenuti non affrontabili in modo scientifico oppure considerati parte delle attività del cervello. Tutti questi “corpi” si compenetrano e interagiscono tra di loro.

All’interno di questo sistema il prana, o ki, o energia vitale, proveniente dall’ambiente circostante, scorre lungo canali chiamati nadi, che incrociandosi danno luogo al chakra. Il corpo fisico interagisce con gli altri attraverso i chakra. I chakra sono perciò dei centri di energia, delle ruote di energia in movimento; assorbono l’energia vitale circostante e la distribuiscono per tutto il corpo fisico.

Secondo gli orientali, le malattie sono il risultato di uno squilibrio energetico (cioè un accumulo o una carenza di energia in una parte dell’organismo), che si manifesta con dei disturbi del corpo fisico e con delle disarmonie dell’aura. Agendo sui chakra, perciò, è possibile riequilibrare sia i disturbi fisici sia le disarmonie energetiche.

 

tratto da “REIKI” di G. Lomazzi  ediz. Vallardi

Related posts

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per fornirti servizi e pubblicità in linea con le tue preferenze. Se chiudi questo banner o prosegui con la navigazione cliccando un elemento della pagina ne accetti l'utilizzo. Per maggiori informazioni su come modificare il consenso e le impostazioni dei browser supportati.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi