26 Ottobre 2020

Il tuo è un problema di “ansia al volante”?

Il tuo è un problema di “ansia al volante”?

Nonostante la patente a punti, gli incidenti stradali sono ancora troppi. Fra le cause emerge l’ansia al volante, un handicap psicologico che nasce dai nostri errori esistenziali.
Vediamo quattro profili per valutarlo e correggerlo.
Guida smaniosa 
• Tipo di ansia: anticipatoria.
• Comportamento al volante: parte sempre in anticipo, si irrita a stare in coda, sorpassa come se avesse un’urgenza, ha scatti di rabbia e insulto facile.
• Profilo: insegue sempre qualcosa, anche quando non c’è niente da raggiungere. Non si gode niente della vita, perché la sua mente è sempre oltre. Il senso di perenne ritardo rende la guida nervosa, con troppi azzardi e litigi.
• Consiglio: impara a perdere tempo. Anzi, a uscire dal tempo. Per un giorno alla settimana (sabato o domenica) togli l’orologio e non programmare niente. Separa l’utile dal dilettevole, e quel giorno dedicati solo al dilettevole.
Guida adrenalinica 
• Tipo di ansia: compressa.
“Comportamento al volante: preme l’acceleratore “a tavoletta”, fa curve al limite, in autostrada viaggio solo in terza corsia, in coda fa rombare il motore.
• Profilo: è una persona in fuga dalle proprie emozioni sottili, dal vuoto e dalle sfumature. Per questo va a 200km orari o non va, come nella vita, L’alta velocità lo fa sentire vivo e gli permette di sfogare l’ansia, ma lo espone al rischio di incidenti gravi da superamento dei limiti.
“Consiglio: recati in ospedale, in un reparto di neonatologia e all’orario di visita fermati davanti al vetro dove sono esposti i bambini appena nati, Osservali in silenzio, contempla la vita al suo inizio, ridalle valore.
Guida incerta 
• Tipo di ansia: da insicurezza.
• Comportamento al volante: va troppo piano, svolta all’ultimo momento, freno di colpo senza motivo, accende gli abbaglianti per sbaglio. Ha paura di tutto e guida da far paura.
• Profilo: vede il mondo e la strada come un costante pericolo. È pessimista, dubbioso, con autostima scarsa e propensione a dipendere e o delegare. Teme il nuovo e i viaggi delle persone care. La sua difficoltà al volante favorisce incidenti a catena.
• Consiglio: non ci sono alternative. Devi fare esperienza, guidare il più possibile, scioglierti nella guida. Da solo. Conoscere bene la macchina, le tue capacità e i tuoi limiti ti aiuteranno ad affrontare I rischi reali del traffico.
Guida tesa 
• Tipo di ansia: da ipercontrollo.
• Comportamento al volante: non riesce a fare a meno di controllare specchietti, distanza dal sedile, livello dell’olio ecc.
È iperconcentrato sulla strada e sui propri movimenti, tanto da non riuscire a parlare con chi siede accanto.
• Profilo: per lui, l’importante è tenere tutto sotto controllo, altrimenti il livello d’ansia sale. Non si rilasso mai e non delega, e quando siede accanto a chi guida sta male. Teme le emozioni e gli imprevisti, e l’iperconcentrazione sui dettagli lo porta per paradosso a incidenti da distrazione.
• Consiglio: ogni tanto percorri una strada con poco traffico, magari in campagna, e prova a lasciarti andare al piacere di guidare. Se stai nel presente senza forzarti, sarai molto più lucido e rilassato.

Related posts

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per fornirti servizi e pubblicità in linea con le tue preferenze. Se chiudi questo banner o prosegui con la navigazione cliccando un elemento della pagina ne accetti l'utilizzo. Per maggiori informazioni su come modificare il consenso e le impostazioni dei browser supportati.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi