22 Agosto 2019

La forza dei magneti

magneti

La Forza dei Magneti 

Il magnetismo è una potente fonte di energia a nostra disposizione:
impariamo a conoscere e usare i magneti 
UNA BREVE STORIA DEGLI STUDI SUL MAGNETISMO 
Ai Greci e ai Romani era già nota la proprietà di attrarre il ferro che hanno i magneti naturali, in particolare la magnetite (ossido ferroso-ferrico), mentre la più antica citazione dei magneti come mezzo di cura appare sull’Atharvaveda, nella parte sulla cura delle malattie, redatto in India intorno al 1500 a.C.
Le antiche civiltà attribuivano ai magneti un potere magico, sarà però solo con Gilbert, medico di corte della regina Elisabetta, a metà del Seicento, che si scoprì l’esistenza dei due poli magnetici, da lì si susseguirono gli studi e le sperimentazioni, fino all’Ottocento con Faraday, per arrivare alla teoria quantistica del magnetismo e al “magnetone” di Bohr.
Anche il Feng Shui, oggi così di moda, si ricollega all’antica geomanzia taoista che stabiliva gli influssi di un luogo e infatti se nel letto, la testa è orientata verso nord e i piedi verso sud, facilitiamo il flusso del magnetismo terrestre attraverso il nostro corpo, inducendo un sonno ristoratore.
Da pochi anni vengono confermate le intuizioni delle antiche tradizioni mediche, come quella ayurvedica o quella cinese che utilizzavano i magneti a scopo terapeutico, fino a Paracelso, il grande
alchimista svizzero che nel Cinquecento diede la prima spiegazione “scientifica” sulla loro efficacia. Si è scoperto infatti che le forze magnetiche agiscono soprattutto sui liquidi e sul sangue, grazie all’attrazione che esercitano sul ferro ematico, così il sangue diventa più fluido e si ha un effetto antidolorifico e antinfiammatorio.
MICROCOSMO E MACROCOSMO 
Ogni cellula del nostro corpo è in realtà un piccolo magnete, dal momento che le molecole che la compongono sono fatte di particelle elettricamente cariche e la stessa comunicazione tra cellula e cellula si basa su impulsi bioelettrici, che avvengono alla velocità della luce. La Terra stessa è dotata di un enorme  campo magnetico, di due poli magnetici, che hanno un’influenza importantissima sul clima, sui fenomeni geologici, sulla nostra stessa salute. I poli magnetici della Terra non coincidono con i poli geografici: al contrario, il polo nord magnetico è in un punto vicino al Polo sud e il suo polo sud magnetico è nelle vicinanze del polo nord.
Per convenzione l’estremità dell’ago magnetico della bussola che indica il nord geografico è segnata come polo nord dell’ago magnetico: questo perché il polo nord dei magneti sarà naturalmente attratto verso il polo sud magnetico della Terra che si trova a nord, e viceversa. I poli dei magneti usati nella magnetoterapia sono segnati, in tutto il mondo, secondo questo principio. Per capire quanto il magnetismo ci influenzi basti pensare che il segreto dell’orientamento del piccione viaggiatore e degli uccelli migratori risiederebbe in un piccolo organo situato sulla testa che riconosce il campo magnetico terrestre, sembra inoltre che tracce di magnetite si trovino anche nell’epifisi umana, il terzo occhio o sesto chakra dell’antica medicina indiana.
L’AZIONE DEL MAGNETISMO SULL’ORGANISMO 
Gli esperti in biomagnetica in America, Russia, Giappone, Inghilterra, Francia, negli ultimi cinquanta anni hanno indagato la natura e la portata del campo magnetico e il suo effetto sugli organi viventi. Le conclusioni dei ricercatori possono riassumersi così: i sistemi viventi sono molto sensibili a un campo magnetico e l’effetto magnetico raggiunge ogni cellula del corpo per effetto del carattere altamente pervasivo del magnetismo. I magneti dunque, se applicati correttamente, esercitano un effetto positivo sul modello di comportamento della risposta elettrica. L’elettricità e il magnetismo sono manifestazioni
della stessa energia di base e sono strettamente connessi. Il cervello di un adulto di taglia media genera 30 Watt di energia elettrica attraverso le sue cellule nervose, che sono esse stesse piccole dinamo. Il corpo umano si può paragonare ad una batteria elettrica ed è capace di emanare onde elettromagnetiche a 80 milioni di cicli al secondo. Basta fare una prova concreta: se si mette la mano sulla radio e la si pone nella direzione nord-sud, il suono diverrà più chiaro e migliore, questo effetto è prodotto dall’elettricità e dal magnetismo presenti nel corpo. Tutti i nostri organi creano i loro campi magnetici di varia intensità, questi campi non rimangono statici ma fluttuano in continuazione, soggetti agli stati di attività/riposo, alle influenze esterne e all’energia assorbita sotto forma di cibo. Per la salute fisica è indispensabile che sia conservato l’equilibrio dei campi magnetici individuali e dei singoli organi. L’essenza della magnetoterapia consiste nella conservazione dell’equilibrio dei campi magnetici all’interno del corpo, con l’aiuto dei magneti permanenti preparati dall’uomo. Il contatto magnetico attiva immediatamente il contenuto di ferro del sangue e genera una leggera corrente. Inoltre il processo di ionizzazione (dissociazione di atomi o molecole in particelle cariche elettricamente) si accelera, migliorandone il flusso attraverso le arterie e le vene. I magneti terapeutici, a differenza di quelli che si trovano in natura, hanno una sola polarità: Nord (negativo) e Sud (positivo). Il polo Nord è molto efficace nelle malattie causate da infezioni batteriche, nelle artriti, le ustioni, gli eczemi, i disturbi delle orecchie e ai denti, il gozzo, le infezioni ai reni, mentre il polo Sud funziona su tutti i tipi di dolori, come le nevralgie, sulla rigidità, sui gonfiori e sulle debolezze, come una digestione lenta, debolezza degli arti, dei muscoli, disturbi cardiaci.
COME SI FA LA TERAPIA CON I MAGNETI? 
Il trattamento con i magneti viene di solito praticato in due modi: il polo scelto viene messo a contatto con la parte del corpo colpita, che può anche rimanere coperta senza esercitare alcuna pressione. Abbiamo già detto che il corpo stesso è un magnete e ha lati magnetici, per cui, quando si devono  applicare dei magneti sia a destra che a sinistra, oppure sotto entrambi i piedi e le mani, il polo nord va applicato al lato destro (piede o mano) e il polo sud al lato sinistro (piede o mano). Se bisogna applicare i magneti alla parte superiore e inferiore del corpo bisogna applicare il polo nord alla parte superiore e il polo sud alla parte inferiore. Allo stesso modo, se vanno trattate magneticamente la parte anteriore e posteriore, il polo nord va collocato sulla parte anteriore e il polo sud sulla parte posteriore. Si deve comunque dire che queste regole di applicazione sono di natura generale e non sono in alcun modo rigide.
Esistono anche cinture e collane magnetiche che si indossano sui polsi, sulla gola, sulla pancia,  sulle ginocchia. Un’altra forma di magnetoterapia consiste nel bere acqua magnetizzata, il modo ideale di magnetizzare l’acqua o qualsiasi altro liquido, è di riempire d’acqua due bicchieri, bottiglie o  recipienti simili, con il fondo piatto e mettere uno di tali contenitori al centro di un magnete, sulla parte del polo nord e l’altro recipiente sul polo sud di un altro magnete. I contenitori scelti dovrebbero essere di vetro, di acciaio inossidabile o di plastica, in modo che il magnetismo possa passare liberamente e  trasmettersi al liquido. I contenitori possono essere tenuti sui magneti per quante ore si vuole, in modo che si possano magnetizzare i liquidi in gradi diversi. Il contenuto può essere mischiato per ottenere acqua bipolare, oppure può essere lasciato separato in modo da avere una bottiglia con liquido magnetizzato positivamente e una bottiglia con liquido magnetizzato negativamente.
Daria Fago (Naturopata) e Osvaldo Cioè (della redazione di www.altrasalute.it)
BIBLIOGRAFIA
• Ambrosi F, Magnetoterapia a campo
stabile, Tecniche Nuove, 2000.
• Hulke WM, Magnetoterapia, Tecniche
Nuove, 2000.
• Bansal HL, Bansal RS, Magnetoterapia,
Edizioni Life Quality Project, 1996.

Related posts

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per fornirti servizi e pubblicità in linea con le tue preferenze. Se chiudi questo banner o prosegui con la navigazione cliccando un elemento della pagina ne accetti l'utilizzo. Per maggiori informazioni su come modificare il consenso e le impostazioni dei browser supportati.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi