17 Settembre 2021

Insonnia

insonniaL’insonnia è un disturbo del sonno che oggi affligge un numero sempre più grande di persone.
La falsa insonnia: 
nove volte su dieci chi dice di soffrire di insonnia, in realtà dorme normalmente e tende a esagerare i brevi periodi di veglia che gli accade di trascorrere durante la notte. Contribuisce ad esagerare il sintomo una certa stanchezza del mattino che viene subito correlata alla notte che si crede di aver passato in bianco.
L’ insonnia banale: 
è quella che costringe a tenere gli occhi aperti anche chi, in genere, dorme normalmente. È dovuta al cambiamento di certe abitudini ormai radicate: il tipo di lavoro, i pasti troppo abbondanti, l’eccesso nelle bevande e nel tabacco, la scarsa ventilazione dell’ambiente, il caldo eccessivo ecc.
L’ insonnia da disturbi fisici: 
la tosse, il dolore in una parte del corpo, il prurito, la difficoltà nella respirazione, la febbre sono tutti fattori che contribuiscono a ritardare il momento dell’addormentamento.
L’ insonnia nervosa: 
è quella che colpisce le persone ansiose in presenza di problemi affettivi o professionali di un certo rilievo. Il paziente in genere non riesce a prendere sonno se non a tarda ora, ma spesso si addormenta normalmente per poi svegliarsi nel cuore della notte e restare con gli occhi sbarrati nel buio.
• La falsa insonnia e l’insonnia banale non meritano una terapia.
Riguardo al terzo tipo di insonnia è evidente che essa può essere soppressa solo sopprimendo il disturbo fisico che la scatena.
Molto più difficile è uscire dall’insonnia nervosa: è troppo facile dire che può essere cancellata solo risolvendo i problemi emotivi che la determinano. Il medico può comunque dare utili suggerimenti per modificare in meglio la situazione:
coricarsi sempre alla stessa ora, seguire un certo rituale prima di andare a letto (per esempio, bere un bicchiere di latte caldo), ridurre il numero delle sigarette e la quantità di alcool normalmente ingerito, dimenticare il caffè durante la giornata, dedicarsi a qualcosa di piacevole e di gratificante poco prima di ritirarsi per la notte.
tratto dalla biblioteca pratica di Amica

Related posts