17 Agosto 2019

Arteriosclerosi

Cos’è l’ arteriosclerosi ***
L’ arteriosclerosi è una malattia di tipo degenerativo e produttivo che colpisce le pareti delle arterie le quali presentano un progressivo restringimento (stenosi) che finisce con il compromettere l’attività funzionale (trasporto del sangue e nutrizione dei vari organi).
Come si presenta l’ arteriosclerosi 
Una delle caratteristiche principali dell’ arteriosclerosi è rappresentata dalla comparsa di un indebolimento totale delle varie attività, sia fisiche che psichiche, del soggetto colpito, il quale appare molto più anziano di quanto possa far supporre la sua età cronologica.
In particolare sono rilevabili una difficoltà nel camminare (uno dei primi sintomi è appunto rappresentato dalla comparsa di crampi ai polpacci dopo un percorso di pochi metri), sensazione di freddo, comparsa di Vertigini, disturbi del sonno, con manifestazioni di insonnia che tendono a farsi sempre più gravi, ronzii, alterazioni visive, formicolii alle estremità.
Contemporaneamente si possono osservare perdita della memoria, disinteresse verso le normali occupazioni, cambiamenti dell’umore, con manifestazioni di irritabilità, insofferenza, depressione, malinconia, tendenza all’inerzia.
Molto spesso alterato anche l’appetito e si può osservare la comparsa di un bisogno di urinare durante la notte.
A seconda di dove insorge la lesione arteriosclerotica si hanno varie forme di arteriosclerosi: si possono così differenziare un’arteriosclerosi aortica, con prevalente localizzazione all’arco aortico e alla porzione toracica dell’aorta; un’arteriosclerosi renale, quando sono colpite le arterie renali; un’arteriosclerosi intestinale, con accessi dolorosi intestinali (angina abdominis); un’arteriosclerosi delle estremità, con comparsa della claudicazione intermittente, tra i 40 e i 60 anni; un’arteriosclerosi coronarica, cerebrale, polmonare.
Come si cura l’ arteriosclerosi 
Anzitutto è di importanza fondamentale controllare l’igiene di vita. Saranno esclusi tutti i tipi di abusi: il lavoro eccessivo, l’alimentazione troppo abbondante, l’irregolarità degli orari; bisognerà proibire l’uso del tabacco, dell’alcool; tutti i familiari dovranno comportarsi in modo da evitare stati di tensione.
Ugualmente, quando possibile, si dovrà fare in modo che l’attività professionale non divenga mai causa di situazioni conflittuali.
Parimenti si dovrà proibire che un paziente con questa forma morbosa svolga attività in ambienti inquinati o a contatto con sostanze capaci di svolgere un’azione tossica sull’organismo. Il periodo di sonno dovrebbe essere prolungato, col coricarsi relativamente presto.
L’alimentazione dovrebbe essere prevalentemente lattea-vegetariana, con rigorosa limitazione dei grassi di origine animale. La carne dovrà essere magra. Permesso il pesce, esclusi fegato, cervella, salumi.
Sarà ridotta anche l’alimentazione a base di pane, pasta, uova.
La terapia medica, da farsi esclusivamente sotto controllo dello specialista, è molto varia e complessa e riguarda misure terapeutiche generali e dirette a migliorare la circolazione del sangue.
Talvolta possono rendersi utili anche interventi di tipo chirurgico quale la tromboendoarteriectomia, con cui si elimina la parte interna, sclerotizzata, dell’arteria per permettere al sangue di scorrervi meglio.
Complicazioni in caso di arteriosclerosi 
Possono essere molto gravi quando sono colpite le arterie coronariche (angina pectoris, infarto, insufficienza del cuore), le arterie cerebrali, quelle polmonari e renali.
tratto dalle guide pratiche per la domenica della Domenica del Corriere

Related posts

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per fornirti servizi e pubblicità in linea con le tue preferenze. Se chiudi questo banner o prosegui con la navigazione cliccando un elemento della pagina ne accetti l'utilizzo. Per maggiori informazioni su come modificare il consenso e le impostazioni dei browser supportati.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi