04 Dicembre 2020

Opium

Le grandi caratteristiche di Opium sono l’inerzia, il torpore. la sonnolenza, l’assenza di sensazioni, l’assenza di dolore.
Non si lamenta di nulla, dice di star bene anche se e malatissimo (come Arnica). La percezione, in senso lato, e come drogata e la reattività dell’organismo non è risvegliata dallo stimolo delle cure.
Oppure, il paziente Opium presenta esaltazione maniacale, con ideazione tumultuosa, gioia esagerata, tendenza alle riflessioni sublimi, grande coraggio.
Il volto è arrossato, brillante per un fine sudore, gli occhi grandi; le pupille sono dilatate e insensibili alla luce.
Opium ha una grande tendenza alla menzogna.
Un passo ancora ed ecco il delirio degli alcolizzati, con visioni di topi, scorpioni e desiderio di fuga.
Delirium tremens scatenato da poco alcol.
Oltre che per l’alcol, lo stato di oppio può prodursi in seguito a collere, spaventi o emozioni forti, insulti che possono terminare in convulsioni; spasmi e insonnia, specie nei bambini e di notte. Nei lattanti ciò può avvenire se la madre nutrice ha avuto un grande spavento.
Opium è indicato nell’apoplessia cerebrale, quando il malato giace insensibile agli stimoli. Pupille dilatate e insensibili alla luce, con il respiro stertoroso e russante, faccia tirata da una parte, sudata e rossa, i muscoli flaccidi.
Nelle convulsioni, il malato Opium si scopre, butta le coperte. Desidera il fresco e le pupille sono piccole e puntiformi. Il corpo tende a inarcarsi sulla schiena (opistotono). Convulsioni puerperali con stato di torpore o anche corna tra gli attacchi.
Soggetti che hanno avuto un grande spavento. Lo spavento permane e li sveglia di notte. Paura della morte.
Paralisi della lingua con difficile articolazione delle parole. Difficoltà a inghiottire.
Stipsi ostinata con distensione addominale difficile ed emissione di gas con costrizione spasmodica dell’ano. Stipsi per inattività del retto che è insensibile allo stimolo del bolo fecale e anche ai purganti. Paralisi dell’ileo (per qualsiasi causa traumatica, chirurgica, eccetera), con vomito fecale e coliche violente per peristalsi invertita.
Stipsi del lattante (negli svezzati e nei bambini Veratrum è  più indicato).
Per reinstaurare il peristaltismo intestinale negli operati, nelle puerpere, eccetera.
Paralisi della vescica urinaria con ritenzione urinaria dopo uno spavento e dopo il parto. Minzione ritardata per spasmo dello sfintere.
Uomini con erezioni durante il sonno e impotenza di giorno.
Spasmi uterini nelle gravide o contrazioni spasmodiche intra partum con perdite di coscienza.
Movimenti fetali violenti.
Opium antidota gli avvelenamenti da piombo, curando le coliche saturnine.

tratti dal libro “Manuale pratico di Omeopatia” di Ruggero Dujany edito da Red/Studio redazionale

Related posts

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per fornirti servizi e pubblicità in linea con le tue preferenze. Se chiudi questo banner o prosegui con la navigazione cliccando un elemento della pagina ne accetti l'utilizzo. Per maggiori informazioni su come modificare il consenso e le impostazioni dei browser supportati.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi