22 Luglio 2019

Bagno parziale ascendente

Bagno parziale ascendente (Hauffe-Schweninger)
Nel bagno parziale ascendente, si immergono uno o due braccia o una o due gambe nelle apposite bacinelle a temperatura indifferente.
Il resto del corpo è bene ricoperto da coperte di lana. Si aumenta lentamente la temperatura dell’acqua fino a raggiungere. dopo 20-30 minuti, una temperatura di 40-41 gradi.
Arrivati a questa temperatura inizia la sudorazione. Dopo 10 minuti si toglie l’arto o gli arti e si asciugano. Vengono tolte le coperte dal corpo, il paziente viene avvolto in un lenzuolo e disteso a letto.
Non deve continuare la sudorazione.
Durante il procedimento si consiglia la somministrazione di liquido caldo.
Temperatura d’acqua: temperatura massima 40-41 gradi.
Durata del bagno parziale ascendente: da 30 a 40 minuti.
Applicazione: a giorni alterni.
Ciclo: da 2 a 6 bagni. Ripetibili.
Indicazione per il bagno parziale ascendente: ove si desidera, in ammalati di non grave stato cardiaco, una migliore irrorazione sanguigna ed una diminuzione pressoria.
Controindicazione per il bagno parziale ascendente: deficit cardiocircolatorio, malattie infettive, stati febbrili, forme tubercolari, osteoporosi, arteriosclerosi.
Bagno parziale di Walinski o Lampert
Il Bagno parziale di Walinski o Lampert si differenzia dal bagno parziale ascendente di Hauffe Schweninger in quanto dopo l’immersione dell’arto in bacinella a temperatura indifferente, la temperatura dell’acqua viene aumentata immediatamente a 40 o 41 gradi.
Nessuna somministrazione di liquido.
Durata del bagno parziale di Walinski o Lampert: da 20 a 30 minuti.
Indicazione per il bagno parziale di Walinski o Lampert: Vedi: bagno parziale ascendente.
Bagno di Stime Hauffe
Nel Bagno di Stime Hauffe gli arti superiori vengono messi fino al terzo superiore del braccio in acqua a temperatura di 31 gradi. Si aggiunge acqua calda fino ad arrivare al limite della sopportabilità (da 43 a 45 gradi).
Durata del bagno di Stime Hauffe: da 10 a 30 minuti.
Applicazione: da stabilire dopo bagno di prova. In genere viene eseguito a giorni alterni o 2 volte la settimana.
Ciclo: da 4 a 6 bagni Indicazione: spesso buon effetto nella cura  dell’angina pectoris simplex.
N.B.: Non si conosce tuttora quale sia l’effetto diretto o indiretto che esercita il sangue ipertermico sui vari centri di regolazione e controregolazione.  Non si possono negare clamorosi risultati forse ascrivibili alla reazione dello stimolo termico sull’ immensa gamma metabolica.
Molto in uso tra i bagni parziali è il pediluvio.  Esso viene usato alternando acqua calda a fredda (da 25 a 38 gradi circa) e finendo la procedura con acqua fredda.
La durata è in genere di 20-30 minuti.
L’indicazione per eccellenza è quella delle disfunzioni circolatorie generali di natura nervosa.

Tratto da “Terapia Fisica” di Erick Fussanegger – Casa di Cura San Marco

Related posts

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per fornirti servizi e pubblicità in linea con le tue preferenze. Se chiudi questo banner o prosegui con la navigazione cliccando un elemento della pagina ne accetti l'utilizzo. Per maggiori informazioni su come modificare il consenso e le impostazioni dei browser supportati.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi